martedì 15 ottobre 2019

DAVE LIEBMAN : 1975 IL PIRATA + BONUS CONCERT AUDIO BREMEN GERMANY 1974


Dave Liebman (Brooklyn, 4 settembre 1946) è un flautista e sassofonista statunitense.

Biografia
Liebman ha una laurea in Storia alla New York University. Ha studiato pianoforte e sassofono fin da ragazzo. Alla fine degli anni sessanta iniziò a suonare con Pete La Roca, Chick Corea, Dave Holland e Steve Swallow, unendosi infine al gruppo di Elvin Jones. Nel 1972 fu assunto da Miles Davis e con questi incise gli album On the Corner, Dark Magus, e Get Up with It (la lunga introduzione del brano "He Loved Him Madly", più di trenta minuti, è basata sul suono ipnotico del flauto di Liebmam). Separatosi da Davis nel 1974, fu in tour con Chick Corea e registrò due album per la ECM Records.
Dal 1980 utilizza il sax soprano come strumento principale, pur essendo apparso anche al sax tenore. Liebman, che si considera un seguace dello stile di Hank Mobley, ha un fraseggio moderno e talvolta coltraniano, ed è a tutt'oggi attivo sia come concertista, sia in sala di registrazione.

Vita e carriera
David Liebman è nato nel 1946 da una famiglia ebrea a Brooklyn, New York. Da bambino nel 1949 contrasse la poliomielite. Ha iniziato le lezioni di piano classico all'età di nove anni e il sassofono a dodici. Il suo interesse per il jazz è stato scatenato dal vedere John Coltrane esibirsi dal vivo nei club di New York come Birdland, Village Vanguard e Half Note. Durante il liceo e il college, Liebman ha perseguito il suo interesse jazz studiando con Joe Allard, Lennie Tristano e Charles Lloyd. Dopo la laurea presso la New York University (con una laurea in storia americana), ha iniziato a dedicarsi seriamente alla ricerca a tempo pieno di essere un artista jazz.
All'inizio degli anni '70, dopo aver registrato con Genya Ravan e Ten Wheel Drive, Liebman ha assunto il ruolo principale (come presidente) nell'organizzazione di una dozzina di musicisti in una cooperativa, Free Life Communication, che è diventata parte integrante della fertile scena jazz del loft di New York nei primi anni '70 è stato finanziato dal Consiglio delle arti e dallo spazio per lo sviluppo innovativo dello Stato di New York. Dopo un anno trascorso con Ten Wheel Drive, un gruppo rock con tendenze sperimentali, Liebman si assicurò la posizione di sassofono / flauto con il gruppo del batterista di John Coltrane, Elvin Jones. Nel giro di due anni, Liebman raggiunse l'apice del suo periodo di apprendistato quando Miles Davis lo assunse. Questi anni, 1970-1974, furono pieni di tour e registrazioni. Allo stesso tempo, Liebman ha iniziato a esplorare la propria musica, prima nel trio Open Sky con Bob Moses e poi con la pianista Richie Beirach nel gruppo Lookout Farm. Questo gruppo ha registrato per l'etichetta tedesca ECM e la A&M Records mentre era in tournée negli Stati Uniti, in Canada, India, Giappone ed Europa. La Lookout Farm è stata insignita della posizione numero uno nella categoria "Group Meriting of Wider Recognition" nel sondaggio della Critica internazionale del Down Beat del 1976. In questi anni ha anche suonato e registrato con Pee Wee Ellis.
Nel 1977 Liebman fece il giro del mondo con la pianista Chick Corea, seguita l'anno successivo dalla formazione del Quintetto di David Liebman con John Scofield, Kenny Kirkland e Terumasa Hino nei panni di sidemen. Dopo diversi tour e registrazioni mondiali del quintetto per oltre tre anni, si è riunito con Richard Beirach. Hanno iniziato a esibirsi e registrare in duo, oltre a creare il gruppo Quest nel 1981. A partire dal bassista George Mraz e dal batterista Al Foster, il gruppo si è consolidato quando Ron McClure e Billy Hart si sono uniti nel 1984. Nel 1991, Quest ha registrato sette CD, ha fatto molti tour e ha tenuto molti seminari con studenti di tutto il mondo.


DAVE LIEBMAN : 1975 IL PIRATA + BONUS CONCERT AUDIO BREMEN GERMANY 1974

Dave Liebman
Bremen-Horn
Berufsbildungszentrum der Bundespost
1974-09-16

Dave Liebman : soprano saxophone,
tenor saxophone, alto C flute
Richard Beirach : electric piano, acoustic piano
Frank Tusa : electric bass, acoustic bass
Jeff Williams : drums

disk 1
Fireflies
In deep
Dream Tigers

disk 2
Lookout farm
Your lady

http://www.archive.org/serve/DaveLiebmanLookoutFarm1974-09-16BerufsbildungszentrumDerBundespostBremenGermany/DaveLiebmanLookoutFarm1974-09-16BerufsbildungszentrumDerBundespostBremenGermany.mp3

-----------------

MILES DAVIS 1976 + BONUS CONCERT AUDIO BOSTON 1973
https://musicitaly70.blogspot.com/2018/09/miles-davis-1976.html
JOHN McLAUGHLIN & MAHAVISHNU ORCHESTRA : BISOGNA SUPERARE I CONFINI DELLA MENTE PER USARE LA TESTA Di Marco Fumagalli
http://musicitaly70.blogspot.it/2013/05/john-mclaughlin-mahavishnu-orchestra.html
TRA IL NULLA E L'ETERNITA'...LA MAHAVISHNU ORCHESTRA SI E' SCIOLTA Di Enzo Caffarelli
http://musicitaly70.blogspot.it/2013/05/tra-il-nulla-e-leternitala-mahavishnu.html
SLY & THE FAMILY STONE Alla TRASMISSIONE TV SOUL TRAIN Il 29 Giugno 1974 Di Danilo Jans
http://musicitaly70.blogspot.it/2013/05/sly-family-stone-alla-trasmissione-tv.html
DEFUNKT - COMPLETE SESSION TRATTA DAI PROVINI FOTOGRAFICI SU PELLICOLA DAL VIVO AL DANCING LA PESCHIERA VALDENGO BIELLA ITALY 1995 Prima Parte Di Danilo Jans
http://musicitaly70.blogspot.it/2013/05/defunkt-complete-session-tratta-dai.html
ERIK SATIE : LA MUSICA DELL'IMPOSSIBILE Di Carmine Pescatore
http://musicitaly70.blogspot.it/2013/07/erik-satie-la-musica-dellimpossibile-di.html
QUEL TRENO CHIAMATO JOHN CAGE Di Guido Harari
http://musicitaly70.blogspot.it/2013/07/quel-treno-chiamato-john-cage-di-guido.html
NUCLEUS : LA QUARTA DIMENSIONE DEL PURO Di Alberto Gioannini,Manuel Insolera e Ennio Antoangeli
http://musicitaly70.blogspot.it/2013/05/nucleus-la-quarta-dimensione-del-puro.html
MILES DAVIS 1969-1975:BRODO DI CAGNE ERETICO
http://musicitaly70.blogspot.it/2013/05/miles-davis-1969-1975brodo-di-cagne.html
1975 : MILES DAVIS GLORIOSUS + BONUS AUDIO CONCERT PHILADELPHIA 1975
https://musicitaly70.blogspot.com/2018/05/miles-davis.html
GARY BURTON : SUONO UNO STRUMENTO MERAVIGLIOSO 
https://musicitaly70.blogspot.com/2014/01/gary-burton-suono-uno-strumento.html

LIVE IN ITALY


MAXOPHONE : 1975 TRA LA NEBBIA DI MILANO


I Maxophone sono stati un gruppo di rock progressivo italiano degli anni settanta, in seguito riformatosi sul finire degli anni duemila.

Biografia
Il gruppo viene fondato a Milano nel 1973 da Roberto Giuliani (chitarra elettrica, voce, piano), Alberto Ravasini (voce solista, basso, chitarra acustica, flauto dolce) e Sandro Lorenzetti (batterista conosciuto negli ambienti jazz del capoluogo lombardo). A loro si uniscono Sergio Lattuada (organo Hammond, piano elettrico), Maurizio Bianchini (corno, tromba, vibrafono, percussioni, voce) e Leonardo Schiavone (clarinetto, flauto, sax). Tutti i membri del gruppo si erano formati musicalmente al conservatorio.
Dopo alcuni anni di esibizioni dal vivo, nel 1975 il gruppo incide il primo 45 giri dal titolo C'è un paese al mondo/Al mancato compleanno di una farfalla. Verso la fine dello stesso anno, viene pubblicato l'album d'esordio, Maxophone, prodotto da Alessandro Colombini, distribuito anche in inglese per il mercato statunitense. Lo stile del gruppo è caratterizzato dalla fusione di elementi classici, jazz, pop e rock.
Nell'anno successivo, a marzo, il gruppo viene convocato dalla Rai per un concerto televisivo, trasmesso dagli studi di Torino per il programma Un'ora per voi.I Maxophone dunque aprono i tours degli Area e di Eugenio Finardi, riscuotendo grande successo. Partecipano inoltre alla decima edizione del Montreux Jazz Festival.
Nel 1977 i Maxophone pubblicano un secondo 45 giri di successo (Il fischio del vapore/Cono di gelato), seguito però, dopo alcune esibizioni live conclusive, dallo scioglimento del gruppo.

Ritorno sulle scene
A partire dagli anni novanta, i lavori dei Maxophone vengono recuperati sull'onda del revival del progressive classico. Nel 1993 l'album d'esordio in versione inglese viene ripubblicato dall'etichetta Mellow, e nel 1997 viene ripubblicata, sempre da Mellow, la versione italiana. Nel 2001 l'etichetta Akarma ristampa l'album in vinile, con l'aggiunta di brani fino a quel momento reperibili solo in 45 giri.
Nel 2005 viene pubblicato il cofanetto DVD/CD From Cocoon to Butterfly, contenente una raccolta di dieci registrazioni inedite del periodo 1973-1975 e alcuni rari video di un concerto tenutosi presso gli studi Rai di Torino in quegli stessi anni. Il cofanetto contiene anche un brano di "reunion" e videointerviste ai componenti della band. Nello stesso anno, il gruppo si esibisce in una performance live promozionale.
Dopo una pausa di riflessione, i Maxophone si ricostituiscono nuovamente agli inizi del 2008 con una nuova formazione che vede presenti i membri storici Sergio Lattuada e Alberto Ravasini e i nuovi elementi Francesco Garolfi (chitarre, voci), Marco Croci (basso elettrico, voci) e Carlo Monti (batteria, percussioni, violino). Successivamente, a Francesco Garolfi subentra Marco Tomasini, proveniente dagli Atlantis 1001.
Il gruppo pubblica un disco live nel 2014, registrato a Tokyo l'anno prima.
Nel 2017, la band lancia il suo secondo disco da studio, La fabbrica delle nuvole. I testi erano stati scritti dallo scrittore e poeta Roberto Roversi nel 2012, appositamente per il progetto.
La band si scioglie ufficialmente nel maggio 2018, dopo la morte del membro fondatore Sergio Lattuada.

MAXOPHONE : 1975 TRA LA NEBBIA DI MILANO

DONATELLA BARDI : CANZONE DEL DOPOSESSANTOTTO
AREA DI RICERCA & AUTODIFESA / INTERVISTA ESCLUSIVA A STRATOS,FARISELLI e TOFAN
UNA VULCANICA INUOVA IDEA Di Mario Luzzatto Fegiz
http://musicitaly70.blogspot.it/2013/09/una-vulcanica-inuova-idea-di-mario.html
PREMIATA FORNERIA MARCONI : PFM...ORA TOCCA ALL'AMERICA! Di Michael Pergolani
http://musicitaly70.blogspot.it/2013/05/premiata-forneria-marconi-pfmora-tocca.html
CRONISTORIA DELLA TERZA RASSEGNA DI MUSICA CONTEMPORANEA A CIVITANOVA MARCHE 1973 Di Fiorella Gentile e S.Sas.
http://musicitaly70.blogspot.it/2013/07/cronistoria-della-terza-rassegna-di.html
OSANNA : PULCINELLA BALLA IL ROCK Di Paolo Ansali
http://musicitaly70.blogspot.it/2013/05/osanna-pulcinella-balla-il-rock-di.html
IL 1° BE-IN A NAPOLI,WIGHT A CASA NOSTRA Di Fiorella Gentile,Dario Salvatori,Maurizio Baiata e Piero Togni
http://musicitaly70.blogspot.it/search?q=IL+1%C2%B0+BE-IN+A+NAPOLI,WIGHT+
BATTIATO : SULL'ONDA DELLA MUSICA Di Maurizio Baiata
http://musicitaly70.blogspot.it/2013/05/battiato-sullonda-della-musica-di.html
AKTUALA : IL CANTICO DELLA JUNGLA e VIAGGIO NEL MAROCCO Di Marco Ferranti e Enzo Caffarelli
http://musicitaly70.blogspot.it/2013/05/aktuala-il-cantico-della-jungla-e.html
FORMULA 3 : LA VIRTU' NON STA NEL MEZZO e UNA FORMULA SENZA BATTISTI Di Enzo Caffarelli
http://musicitaly70.blogspot.it/2013/05/formula-3-la-virtu-non-sta-nel-mezzo-e.html
BANCO DEL MUTUO SOCCORSO - L'ALBUM DELLA LIBERTA' / ANTEPRIMA Di Ferranti e Di Silvestro
http://musicitaly70.blogspot.it/2013/05/banco-del-mutuo-soccorso-lalbum-della.html
POP FESTIVAL VILLA PAMPHILI Di Fernando Fratarcangeli
http://musicitaly70.blogspot.it/search?q=banco+del+mutuo+soccorso
SPECIALE SANTAMONICA ROCK FESTIVAL - L'AUTODROMO RIBOLLE ROCK - 1974
http://musicitaly70.blogspot.it/2013/05/speciale-santamonica-rock-festival-1974.html
ROVESCIO DELLA MEDAGLIA : IL DIRITTO DEL ROVESCIO Di Enzo Caffarelli e Piero Togni
http://musicitaly70.blogspot.it/2013/05/rovescio-della-medaglia-il-diritto-del.html
MUSEO ROSEMBACH : APERTURA CON ZARATHUSTRA Di Manuel Insolera
http://musicitaly70.blogspot.it/2013/05/museo-rosembach-apertura-con.html
SAINT JUST - BALLI DI CORTE E ARPEGGI DI CHITARRA di GIORGIO RIVIECCIO
http://musicitaly70.blogspot.it/2013/05/saint-just-balli-di-corte-e-arpeggi-di.html

LIVE IN ITALY
CROSBY STILLS NASH & YOUNG ITALY
EARLY SANTANA ITALY
MONDO POPOLARE 2
HELABERARDA
MONDO POPOLARE
foto DANILO JANS
DANILO JANS ART
MUSIC ITALY 70
PONT SAINT MARTIN ALTERNATIVA
THE LOST CONCERTS
ROCK RARE COLLECTION FETISH

lunedì 14 ottobre 2019

THE CLASH - ITALIAN TOUR 1981 + BONUS AUDIO CONCERT FIRENZE 23 MAY 1981


I Clash sono stati un gruppo musicale punk rock inglese. Attivi dal 1976 al 1986, furono uno dei gruppi più acclamati dalla critica del periodo. Furono formati principalmente da Joe Strummer (voce, chitarra ritmica), Mick Jones (chitarra solista, voce), Paul Simonon (basso, voce) e Nick "Topper" Headon (batteria, percussioni). Headon lasciò il gruppo nel 1982 e Jones nel 1983, il gruppo proseguì con nuovi membri negli anni successivi, ma all'inizio del 1986 si sciolse definitivamente.
I Clash erano famosi per la loro varietà musicale (nel loro repertorio trovano posto reggae, dub, rap, rockabilly e altri generi), per le loro esibizioni dal vivo particolarmente intense, per la sofisticatezza lirica e politica che li distingueva dalla maggior parte dei loro colleghi appartenenti al movimento punk. Inseriti al ventottesimo posto nella classifica degli artisti immortali stilata dalla rivista Rolling Stone, i Clash sono anche noti come The Only Band That Matters (l'unico gruppo che conti).

Joe Strummer
Strummer recitò in alcuni film, registrò colonne sonore (da notare Love Kills per il film Sid & Nancy), si dedicò alla produzione di altri artisti e sperimentò con diversi gruppi di supporto ottenendo un successo limitato. Nel 1991/92 Strummer si unì ai The Pogues, dopo l'abbandono del frontman Shane MacGowan, per una serie di concerti in Europa. Infine, nella seconda metà degli anni novanta, Strummer riunì dei musicisti di grido in una band di supporto che chiamò The Mescaleros. Strummer firmò un contratto con l'etichetta punk californiana Hellcat Records, e pubblicò un notevole album, scritto assieme ad Antony Genn, intitolato Rock Art and the X-Ray Style (1999). Seguì un tour in Inghilterra e Nord America, nel quale vennero eseguite diverse delle canzoni preferite dai fan dei Clash. Genn lasciò i Mescaleros nel mezzo delle sessioni di registrazione del secondo album, Global a Go-Go (edito nel 2001), nel quale compare anche il violinista e chitarrista Tymon Dogg, già collaboratore dei Clash, nonché vecchio amico di Joe. Dopo la pubblicazione di Global a Go-Go, Joe Strummer e i Mescaleros suonarono in un tour di 21 date in Nord America, Gran Bretagna e Irlanda. Ancora una volta, questi concerti presentavano materiale dei Clash (London Calling, Rudie Can't Fail), così come cover di classici del reggae e ska (The Harder They Come, A Message to you, Rudie) e si chiudevano regolarmente con un ammiccamento ai Ramones di Blitzkrieg Bop. Nel dicembre del 2002, Joe Strummer morì improvvisamente per un attacco di cuore, all'età di 50 anni. L'album dei Mescaleros su cui stava lavorando, Streetcore, che conteneva anche la reinterpretazione di Redemption Song di Bob Marley venne pubblicato postumo nel 2003, accolto dai favori della critica.
Fu lo stesso Marley il primo a omaggiare la band di Strummer quando nel 1977 incluse i Clash nel testo della sua Punky Reggae Party, in cui rivolge a tutti un invito a recarsi a questo fantomatico, imperdibile party in cui suoneranno fra gli altri, oltre ovviamente agli stessi Wailers, anche i Damned e per l'appunto i Clash.

Mick Jones
Dopo la sua controversa espulsione dal gruppo nel 1983, forma nel 1984 i B.A.D. insieme a Don Letts, gruppo con il quale è stato in attività fino al 1995. Della nuova band è rimasto abbastanza famoso l'insolito brano dance/rock E=MC2 che ebbe discreta fortuna. Più di recente insieme a Tony James ha formato la band Carbon/Silicon, e si è anche dedicato alla carriera di produttore musicale.

Paul Simonon
Successivamente allo scioglimento dei Clash, si unì ad un gruppo chiamato Havana 3 A.M, che registrò un solo album in Giappone e sparì rapidamente. Simonon tornò quindi alle sue origini di artista visuale, presentando diverse performance in gallerie d'arte e contribuendo alla copertina del terzo album dei BAD di Mick Jones che per coincidenza venne co-prodotto da Joe Strummer. La riluttanza di Simonon a tornare a suonare è stata ampiamente citata come motivo per cui i Clash furono uno dei pochi gruppi punk britannici degli anni settanta che non si riunirono per approfittare della nostalgia del punk che si diffuse negli anni novanta. Comunque Mick Jones dichiarò alla stampa che, all'epoca della morte di Strummer, i quattro stavano considerando seriamente di riunirsi per un tour e che esistevano buone probabilità di riuscita dell'operazione. Attualmente fa parte insieme a Damon Albarn (Blur, Gorillaz) dei The Good, the Bad and the Queen, con i quali ha pubblicato l'album di debutto omonimo nel 2007.

Topper Headon
Dopo essere stato estromesso dalla band successivamente alla pubblicazione di Combat Rock, si trascinò senza meta con la dipendenza da eroina. Pubblicò comunque un album solista, Waking Up (1986), dal sapore jazz. Formò un gruppo jazz che ebbe breve vita. Dopo le riprese del documentario retrospettivo sui Clash di Don Letts, intitolato Westway to the World ed una successiva consegna a Strummer, Jones, Simonon e Headon di un Lifetime Achievement British Music Award, Headon scomparve dal mondo della musica. Va notato che il suo contributo ai Clash non fu per nulla limitato al suonare la batteria. Headon compose anche le parti di piano di Rock The Casbah. Attualmente si è disintossicato e continua a esibirsi dal vivo, facendo anche il tassista a Brighton. Fu in uno di questi concerti che apprese della morte di Strummer. Nel 2003 dichiarò che si sarebbe esibito in alcuni concerti di tributo a Joe.

Nel 2003 i Clash sono stati ammessi alla Rock and Roll Hall of Fame a New York, dove avrebbero dovuto riunirsi in concerto; concerto sfumato dopo la morte di Strummer.



THE CLASH - ITALIAN TOUR 1981 + BONUS AUDIO CONCERT FIRENZE  23 MAY 1981

The Clash
Impossible Mission Tour
Stadio Comunale, Firenze - Italy
23rd of May 1981

Joe Strummer: lead vocals, rhythm guitar
Mick Jones: lead guitar, vocals
Paul Simonon: bass guitar, backing vocals
Nicky "Topper" Headon: drums

01. Intro (PA recorded music, Sixty Seconds To What? by Ennio Morricone) (01:53)
02. London Calling (03:19)
03. Safe European Home (03:21)
04. (White Man) In Hammersmith Palais (04:07)
05. Train In Vain (04:37)
06. Lightning Strikes (Not Once But Twice) (04:16)
07. Junco Partner (04:15)
08. The Guns Of Brixton (04:34)
09. This Is Radio Clash (05:04)
10. Complete Control (03:55)
11. Ivan Meets G.I. Joe (02:49)
12. The Call Up (05:55)
13. The Leader (01:49)
14. Charlie Don�t Surf (05:07)
15. The Magnificent Seven (05:54)
16. Bankrobber (04:18)
17. Wrong 'Em Boyo > Somebody Got Murdered (06:53)
18. Career Opportunities (02:11)
19. Clampdown (05:13)
20. One More Time (05:04)
21. Brand New Cadillac (01:57)
22. Janie Jones (02:31)
23. Encore break I (audience noise) (00:53)
24. Jimmy Jazz (04:34)
25. Armagideon Time (04:39)
26. London�s Burning (02:47)
27. Encore break II (audience noise) (00:53)
28. I Fought the Law > White Riot (06:06)
29. Outro (PA recorded music, speaker announcement) (02:19)

Total running time: about 02:11:00

http://www.archive.org/serve/Clash1981-05-23StadioComunaleFirenzeItaly/Clash1981-05-23StadioComunaleFirenzeItaly.mp3

LIVE IN ITALY
CROSBY STILLS NASH & YOUNG ITALY
EARLY SANTANA ITALY
MONDO POPOLARE 2
HELABERARDA
MONDO POPOLARE
foto DANILO JANS
DANILO JANS ART
MUSIC ITALY 70
PONT SAINT MARTIN ALTERNATIVA
THE LOST CONCERTS
ROCK RARE COLLECTION FETISH


giovedì 10 ottobre 2019

DONATELLA BARDI : CANZONE DEL DOPOSESSANTOTTO


Donatella Bardi (Torino, 13 agosto 1954 – Milano, 13 dicembre 1999) è stata una cantante e attrice italiana.

Biografia
È figlia del pittore Mario Bardi e sorella del chitarrista Lucio Bardi.
La sua carriera come cantante inizia a Milano negli anni settanta. È la voce femminile nell'album Volo magico n. 1 di Claudio Rocchi. La collaborazione con Rocchi continua in altri 4 album della produzione del cantautore.
Collabora con artisti come Nino Tristano (Suonate suonatori, album Fonit-Cetra), Alberto Camerini e Eugenio Finardi, con i quali forma il gruppo musicale de Il Pacco insieme a musicisti come il fratello Lucio Bardi, Walter Calloni e Lucio Fabbri. Con questo gruppo partecipa alla Festa del proletariato giovanile del Parco Lambro dal 13 giugno al 16 giugno 1974.
Tra il 1976 ed il 1978 collabora anche con Demetrio Stratos e Paolo Tofani degli Area.
Nel 1974 incide per la Elektra Records il suo album A' Puddara è un vulcano, con il fratello Lucio alla chitarra, Pepè Gagliardi alle tastiere, Paolo Donnarumma al basso ed Antonello Vitale alla batteria.
In parallelo inizia anche la sua carriera di attrice, partecipando a Montepulciano al primo Festival Internazionale di Teatro con la compagnia di Memè Perlini.
Nel 1991 entra nel gruppo musicale Ensemble, con i quali pubblica l'album Moti shkon, il cui titolo in arbereshe (albanese del 1400) significa Il tempo passa.
Donatella Bardi scompare prematuramente nel 1999 a 45 anni per un'emorragia cerebrale.

----------------------

Questa mattina, venerdì 17 dicembre, alle ore 11, si è svolto a Milano il funerale di Donatella Bardi, stimata artista dall'inconfondibile voce, morta improvvisamente (per una emorragia cerebrale) la settimana scorsa nella sua casa di Milano. A dirle addio, oltre ai familiari e a moltissimi amici, anche molti personaggi del mondo dell'arte e amici dell'ambiente musicale come Eugenio Finardi, Alberto Camerini, Roberto Vecchioni, il jazzista Renato Sellani, altri musicisti e discografici. Donatella, figlia del pittore Mario Bardi (deceduto l'anno scorso) lascia tre figli, la madre e la zia, ed il fratello Lucio, anch'egli musicista (è uno dei più stimati chitarristi italiani) con il quale stava preparando un nuovo spettacolo.


DONATELLA BARDI : CANZONE DEL DOPOSESSANTOTTO

LIVE IN ITALY
CROSBY STILLS NASH & YOUNG ITALY
EARLY SANTANA ITALY
MONDO POPOLARE 2
HELABERARDA
MONDO POPOLARE
foto DANILO JANS
DANILO JANS ART
MUSIC ITALY 70
PONT SAINT MARTIN ALTERNATIVA
THE LOST CONCERTS
ROCK RARE COLLECTION FETISH