martedì 15 maggio 2018

RAMONES / 3 - 1977 DA NEW YORK : RAMONES + BONUS AUDIO CONCERT BIRMINGHAM ENGLAND 1977


 Ramones sono stati un gruppo musicale statunitense formatosi a Forest Hills, nel Queens (New York), intorno al marzo 1974. Il gruppo fu fra i fondatori del movimento punk rock newyorkese e uno dei più influenti gruppi del genere.
Tra il 1974 ed il 1996 i Ramones eseguirono 2.263 concerti, con una media di due concerti a settimana. Nel 1996, con più di dieci album alle spalle, il gruppo si sciolse. I quattro membri originari, Joey, Dee Dee, Johnny e Tommy, morirono nei due decenni successivi.
I loro unici dischi d'oro sono stati la raccolta Ramones Mania ed il DVD del 2004 Ramones: Raw. L'apprezzamento per il gruppo ha avuto un rilancio intorno al 2000: a partire da quel momento gli album della band compaiono regolarmente nelle liste dei "migliori di tutti i tempi" in molte riviste musicali autorevoli, come Rolling Stone, che nel 2003 ha posto la band al 26º posto nella sua classifica dei 100 migliori artisti musicali di sempre o Mojo. Nel 2002 la rivista Spin Magazine ha descritto i Ramones come la seconda più grande band rock and roll della storia, dopo i Beatles. Il 18 marzo 2002 i Ramones entrarono nella Rock and Roll Hall of Fame.

Nel settembre del 1975 i demo di Judy Is A Punk e di I Wanna Be Your Boyfriend furono incisi ai 914 Studios, in compagnia di Marty Thau, futuro manager dei New York Dolls e fondatore dell'etichetta discografica Red Star, per cui registrarono anche i Suicide. Thau sapeva che il quartetto era già stato visionato dalla Sire Records e prese contatto con Craig Leon. A Leon le incisioni piacquero, e le fece immediatamente ascoltare anche a Seymour Stein: i possibili dubbi sulle capacità del gruppo svaporarono in cinque minuti. La decisione di incidere il primo album era presa: i Ramones firmarono il contratto con la Sire Records, di Seymour Stein e Richard Gottehrer. Seymour però non era contento che nella canzone Today Your Love, Tomorrow The World ci fosse la frase "I'm a nazy baby". Chiese alla band di cambiare il passaggio ma i Ramones rifiutarono perché non volevano compromettersi. Neanche Stein insistette molto, perché considerava la Sire Records come una etichetta discografica che non imponeva restrizioni. Il 2 febbraio del 1976 s'iniziò quindi la registrazione di Ramones

La trilogia dei Fast Four (1976 - 1978)
Le registrazioni di Ramones furono concluse il 19 febbraio del 1976 con un budget di soli 6.000 $.Presentato nel mese di aprile dello stesso anno e pubblicato il 23, nel corso della prima settimana vendette più di cinquemila copie, raggiungendo la posizione numero 111 nella US Album Chart. Comprendeva già molti dei loro pezzi forti, come Blitzkrieg Bop, Beat on the Brat e Judy is a Punk.
L'album fece la gioia dei formalisti; il mixaggio era semplice, ma indovinato: un ritmo di batteria minimale (su ambedue i canali) forniva la struttura di base per i testi, cantati mangiando le parole (al centro); il basso scandiva sia la melodia, sia le impercettibili variazioni del ritmo (a sinistra) ed il suono della chitarra (a destra) non era altro che una distorta trama ritmica.
Marc Bell, batterista dei Voidoids, descrisse così l'album in un'intervista, dopo che lo aveva sentito per la prima volta:
« Non ho mai sentito nulla di simile prima d'ora nella mia vita. Era così potente che ad un certo punto ho pensato: cazzo, vorrei stare in questa band. »
(Marc Bell)
Dice il critico musicale Jon Savage:
« Al momento della sua pubblicazione, nell'aprile del 1976, il primo album dei Ramones fu strabiliante. Rimane uno dei pochi dischi che abbiano cambiato irreversibilmente il pop, ma tutti i primi tre album del gruppo sono determinanti. Dopo di che c'è l'immortalità »
Le recensioni sono molto buone, ma a parte l'impatto iniziale, le vendite non risultarono proprio clamorose e a causa della reputazione della band molti promoter erano ancora riluttanti ad organizzare concerti per loro. L'impatto fu molto più grande in Inghilterra, dove l'album raggiunse il numero uno delle classifiche di vendita dei dischi di importazione, anche grazie ai passaggi regolari sullo show serale di Radio 1 di John Peel. Un critico inglese li saluta come «i salvatori del rock 'n' roll».
L'album successivo, Leave Home, fu pronto in pochissimo tempo, e venne pubblicato nel gennaio del 1977. Ma si rivelò un grande album nelle intenzioni, meno nella sostanza; pur contenendo alcuni dei migliori pezzi mai scritti dal gruppo, risultò piuttosto carente in fase di produzione, colpa forse anche di Tommy Bongiovi (un cugino di Jon Bon Jovi), il nuovo produttore, che poco aveva a che spartire con quel suono così granitico. A testimonianza dell'estrema validità del materiale, è bene ricordare che quando il gruppo propose dal vivo i pezzi contenuti in Leave Home, il risultato fu grandioso.
I Ramones si ritagliarono uno spazio molto importante nella scena del periodo, il che li costrinse a darsi una veste più professionale, cercando di ridurre al minimo tutti gli screzi fra i membri; i tour si fecero sempre più intensi e frenetici ed aumentò il tempo passato in viaggio da un posto all'altro, «sempre in furgone», come ha ricordato Eddie Vedder dei Pearl Jam in occasione del discorso di investitura per l'ingresso dei Ramones nella Rock and Roll Hall of Fame. Il 21 agosto del 1977[ iniziarono le registrazioni del terzo album, Rocket to Russia, che completò la cosiddetta 'trilogia dei Ramones'. Il terzo album è considerato quello più riuscito dal punto di vista tecnico: un vinile che consentì al gruppo di entrare nella Top-50 degli Stati Uniti
.« Era come un'ondata di calore, un bombardamento costante di canzoni. Non riuscivi ad accendere una sigaretta tra la fine di un brano e l'inizio di un altro. Era incredibile. »
(Joe Strummer)
« Ci sembrava con i Sex Pistols di diventare come i Beatles ed i Rolling Stone degli anni sessanta. »
(Joey Ramone)
« Ho suonato tutto al doppio della velocità. Siamo arrivati al punto che un set di un'ora e 15 minuti diventava di 56 minuti. Eravamo dei lampi. »
(Richie Ramone)

Ramones - Live At The Rainbow - December 31, 1977 Video


RAMONES / 3  - 1977 DA NEW YORK : RAMONES + BONUS AUDIO CONCERT BIRMINGHAM ENGLAND 1977

Ramones 
1977-05-24 
Birmingham England 

01. Loudmouth 
02. Beat On The Brat 
03. Blitzkrieg Bop 
04. I Remember You 
05. Glad To See You Go 
06. Gimme Gimme Show Treatment 
07. You're Gonna Kill That Girl 
08. 53Rd & 3Rd 
09. Carbona Not Glue 
10. Sheena Is A Punk Rocker 
11. Commando 
12. I Wanna Be Your Boyfriend 
13. Havanna Affair 
14. Listen To My Heart 
15. California Sun 
16. Judy Is A Punk 
17. I Don't Wanna Walk Around With You 
18. Pinhead 
19. Now I Wanna Sniff Some Glue 
20. Today Your Love, Tomorrow The World 
21. Suzy Is A Headbanger 
22. Chainsaw 
23. Let's Dance 
24. Now I Wanna Be A Good Boy 
25. Oh Oh I Love Her So 
26. You Should Not Have Opened That Door 


-----------------------------------

RAMONES MEGAPOST + LIVE CONCERT AUDIO WHISKEY A GO GO LOS ANGELES CALIFORNIA 21 OCTOBER 1977
1980 : I FRENETICI RAMONES A REGGIO EMILIA Di Aldo Bagli 

Nessun commento:

Posta un commento