sabato 31 marzo 2018

HOT TUNA / 4 + BONUS AUDIO CONCERT SANTA CLARA UNIVERSITY CALIFORNIA 1977


Hot Tuna è un gruppo blues americano formato nel 1969 dal chitarrista / cantante Jorma Kaukonen e dal bassista Jack Casady. Sebbene sia sempre stata un'aggregazione fluida, con musicisti che andavano e venivano nel corso degli anni.

1969-1973: inizi
Hot Tuna iniziò come progetto parallelo ai Jefferson Airplane, mentre Grace Slick si riprendeva da un intervento chirurgico al nodo della gola che le aveva impedito di esibirsi. Il nome del gruppo proveniva da qualcuno che Jorma Kaukonen chiamava "spiritoso scemo" oppure   "tonno caldo" dopo aver ascoltato la frase "Odori come il pesce, oh piccola", della canzone "Keep On Truckin". Kaukonen, Jack Casady, Paul Kantner e il nuovo batterista Joey Covington hanno suonato in diversi spettacoli in giro per San Francisco, incluso il club originale degli Airplane, The Matrix, prima che i Jefferson  riprendessero le esibizioni per sostenere l'album Volunteers. (Sebbene Covington fosse stato ingaggiato per sostituire  Spencer Dryden, Covington venne chiamato solo quando necessario e Dryden continuò a esibirsi con gli Airplane) Una volta che la band principale riprese a suonare ,i  Tuna si trovarono ad aprire i loro concerti. Il loro primo repertorio derivava principalmente dal materiale degli Airplane di Kaukonen e dalle cover degli artisti country e blues americani come il Rev. Gary Davis, Jelly Roll Morton, Bo Carter e Arthur Blake (Blind Blake).
Nel settembre del 1969, Kaukonen e Casady furono ingaggiati per una settimana di concerti acustici alla New Orleans House di Berkeley, in California; le registrazioni tratte da questo impegno sono state incise nell' album di debutto omonimo della band nel 1970. Questo album è diventato un cult per i  fan del gruppo come "l'album di rottura", a causa del suono della rottura dei bicchieri da birra udubili durante la registrazione di "Uncle Sam Blues" .  Alcune tracce includevano Will Scarlett all'armonica.  Dopo che l'album fu registrato, il fratello di Jorma, Peter Kaukonen, sostitui'  Kantner con la chitarra ritmica e il cantante dei Jefferson Airplane, Marty Balin, si è unì alla voce per le canzoni elettriche. Nel 1970, il giovane Kaukonen fu sostituito da Paul Ziegler.
Quell'estate, la RCA pagò la band per andare in Giamaica a registrare il secondo   album, ma il lavoro  non fu mai terminato, in parte a causa di una disputa finanziaria tra Balin (che lasciò entrambe le band poco dopo) e Kaukonen e Casady.  Papa John Creach fu introdotto nella band alla fine del 1970 anche nei Jefferson Airplane e Jefferson Airplane e Hot Tuna terminarono insieme  il loro tour nel novembre 1970 con spettacoli al Fillmore East.
Nel settembre 1970, Kaukonen e Casady fecero due spettacoli acustici come Hot Tuna senza i Jefferson Airplane a Pepperland (una sala da ballo capiente a San Rafael, in California) e ricevettero buone recensioni, facendo capire  inoltre che Hot Tuna poteva sopravvivere senza l'altra band a  supportarli.
Quando i Jefferson Airplane si fermarono per oltre diciotto mesi (tranne una manciata di concerti nell'estate del 1971 e nell'inverno del 1972) dopo gli spettacoli al Fillmore East, gli Hot Tuna - per il quali la performance dal vivo era sempre di primaria importanza - divenne un gruppo indipendente composto da Kaukonen, Casady, il batterista Sammy Piazza e Creach, che si muovevano adesso  come  band elettrica. Questa line-up è stata documentata per la prima volta nell'album First Pull Up, Then Pull Down (1971), registrato dal vivo al Chateau Liberte', un oscuro club situato vicino a Los Gatos, in California, sulle montagne di Santa Cruz, il preferito  dalla band in quel periodo. Il gruppo è anche apparso su tre brani del primo album solista di Papa John Creach, così come in "Walking the Tou Tou" nel suo secondo album Filthy !.
Seguirono gli album in studio Burgers (1972) e The Phosphorescent Rat (1974), con Creach che se ne andò prima che quest'ultimo venisse registrato. Questi due album presentavano principalmente composizioni di Kaukonen. David Crosby ha cantato  in "Highway Song", mentre il tastierista Nick Buck (che frequentemente era ospite del gruppo in studio per i successivi cinque anni prima  del tour nel 1977) ha contribuito a tre tracce.
1974-77: "Anni Rampanti
Mentre la band si preparava per il tour del 1974 a sostegno di The Phosphorescent Rat, Kaukonen abbandonò Piazza dopo aver deciso di far tornare la band al suo repertorio semi-acustico. Kaukonen e Casady registrarono il primo album solista di Kaukonen : Quah!.Il 1974 segnò un cambio dal loro stile prevalentemente blues e acustico .Gli  Hot Tuna lasciarono completamente i loro set acustici e si trasformarono  in una rock band pesante. Nell'ottobre del 1974, il gruppo si esibì in The Midnight Special.
Gli album America's Choice (1975), Yellow Fever (1975) e Hoppkorv (1976) presentano un trio hard  con l'aggiunta del nuovo batterista Bob Steeler. Le note di copertina di Jeff Tamarkin sulla RCA "Platinum Gold Hot Tuna Collection" caratterizzano questa trilogia come emblematica degli "anni della furia" della band. Kaukonen ha detto che il cambiamento di concentrazione è dovuto al fatto che "è stato divertente essere rumorosi". Durante questo periodo, la chitarra elettrica di Kaukonen suonava molto distorta, mostrando in modo prominente effetti come il phaser Roland Jet. Il suo stile "furibondo" è caratterizzato dagli assoli di "Funky # 7" e "Serpent of Dreams" su America's Choice e "Song for the Fire Maiden", "Sunrise Dance with the Devil" e "Surphase Tension" su Yellow Fever . Le esibizioni dal vivo in tutta l'epoca sono state caratterizzate da improvvisazioni  a flusso libero e set molto lunghi (fino a sei ore ininterrotte) con versioni estese del materiale dello studio; un concerto del novembre 1976 al Palladium di New York presentava una versione di 16 minuti di "Invitation". Tuttavia, il produttore Harry Maslin non apprezzava lo stile del gruppo e li preferiva in  un formato rock più tradizionale. Nel 1977, Kaukonen iniziò a esibirsi in assoli prima che la band suonasse. Il trio ha smesso di fare  tour alla fine del 1977 e ha suonato il suo concerto finale (con il tastierista Nick Buck e il sassofonista "Buffalo" Bob Roberts) al Palladium il 26 novembre.
Sebbene le esibizioni dal vivo  del gruppo abbiano goduto di un notevole culto seguito per gran parte degli anni '70, Hot Tuna non ha rivaleggiato o eclissato i Jefferson Airplane e Jefferson Starship dal punto di vista commerciale; mentre tutti tranne due dei loro album dell'epoca raggiunsero la Billboard Top 100, America's Choice fu il loro album di maggior successo (con un picco al 75° posto).

1978-1985: pausa e breve riunione
A causa delle tensioni emergenti tra Kaukonen e Casady, un tour pianificato del 1978 è stato cancellato, con Kaukonen che ha riempito queste date esibendosi da solo. Un doppio album dal vivo, Double Dose, è stato pubblicato quell'anno come documento del tour dell'anno precedente. Casady e Kaukonen suonarono  separatamente e intrapresero carriere di breve durata nelle nuove bande new wave  SVT e Vital Parts, rispettivamente. Nel 1979, Kaukonen pubblicò il suo secondo album da solista e la  Grunt Records fece uscire  la compilation degli  Hot Tuna Final Vinyl.
Il chitarrista ritmico Michael Falzarano e il batterista Shigemi Komiyama si sono uniti a Kaukonen e Casady per un tour di reunion Hot Tuna nel 1983. Il gruppo ha suonato un mix di nuovo materiale accanto alle classiche canzoni degli  Hot Tuna.  Questo, combinato con l'approccio hard rock e heavy metal del gruppo, non è stato ben accolto, con i resoconti di fan che hanno abbandonato gli spettacoli. 

1986-presente
Gli Hot Tuna si riformarono  nuovamente nel 1986, con il produttore Joey Balin che si unì alla chitarra ritmica fino al 1987. Kantner si unì a loro  nel 1987 e nel 1988, aggiungendo alcune vecchie canzoni dei Jefferson Airplane alla scaletta. Grace Slick è apparsa sul palco  per uno spettacolo al The Fillmore nel marzo del 1988. La band ha continuato nel 1989 e Kaukonen e Casady si sono uniti al tour dei Jefferson Airplane nel 1989, eseguendo set di Hot Tuna acustici nel mezzo di ogni spettacolo. Alla fine del tour ,gli Hot Tuna hanno ripreso le loro prestazioni elettriche, aggiungendo Falzarano e il batterista Joey Stefko. Poco dopo, il newyorkese Harvey Sorgen ha sostituito Stefko alla batteria e Galen Underwood si è unito alle tastiere per il loro primo album di  nuovo materiale da  quasi 14 anni, nel 1990 Pair a Dice Found. Kaukonen e Falzarano hanno entrambi contribuito con canzoni originali.
Per tutti gli anni '90, gli Hot Tuna si sono  di nuovo alternati tra stili acustici ed elettrici. I due album  intitolati Sweetwater erano prevalentemente set acustici con ospiti come Bob Weir, Maria Muldaur e l'ex bassista-tastierista dei Jefferson Starship Pete Sears; il secondo doveva aderire permanentemente al gruppo  durante il decennio. L'uscita del 1997, Live in Japan, ricordava per molti versi il primissimo album Hot Tuna, con un suono minimalista ed è stato registrato dal vivo in un piccolo locale (Stove's in Yokohama).  Falzarano e Sears rimasero con la band fino ai primi anni del 2000 .
Nel 2004, Casady e Kaukonen sono stati raggiunti dal chitarrista Barry Mitterhoff e dal batterista Erik Diaz. Nell'agosto 2009, in seguito alla partenza di Diaz, Skoota Warner si unì ufficialmente alla band come batterista. Nel novembre 2010, Hot Tuna si è esibito come un trio semi-acustico: Casady, Kaukonen e Mitterhoff in un Midnight Ramble allo studio Levon Helm's Barn a Woodstock, New York. Nello stesso mese, Kaukonen annunciò sul suo blog che Hot Tuna aveva iniziato a registrare il suo primo album in studioda 20 anni.  L'album, Steady as She Goes, è stato pubblicato dalla Red House Records il 5 aprile 2011.  Per la prima metà del 2011, il chitarrista Jim Lauderdale e l'armonicista Charlie Musselwhite hanno fatto un tour con loro; più tardi nel corso dell'anno sono stati raggiunti da Musselwhite, dai chitarristi David Bromberg, Larry Campbell, Steve Kimock e G. E. Smith e dalla vocalist Teresa Williams. Sia Campbell che Williams, che hanno fatto parte dell'album Steady as She Goes, sono rimasti con la band in tour. Nel 2014, Justin Guip, che aveva progettato l'album in aggiunta al recente lavoro da solista di Kaukonen, ha assunto i compiti di batterista.


HOT TUNA / 4 + BONUS AUDIO CONCERT SANTA CLARA UNIVERSITY CALIFORNIA 1977

Hot Tuna 
05-28-77 
SBD 
Santa Clara University, Santa Clara, CA 
w/Bob Steeler, Nick Buck 

Disc-1 
Hit Single #1 
I See The Light 
Rock Me Baby 
I Wish You Would 
Bar Room Crystal Ball 
Hot Jelly Roll Blues 
Invitation 

Disc-2 
Serpent Of Dreams 
Extrication Love Song 
Funky #7 
Watch The North Wind Rise 
99 Year Blues 
Sunrise Dance With The Devil 
Bowlegged Woman, Knock Kneed Man 
Been So Long 
Baby What You Want Me To Do 

Disc-3 
Water Song 
Keep Your Lamps Trimmed And Burning 
Drivin' Around 
Walkin' Blues 


-----------------------------------------------

JORMA KAUKONEN,JACK CASADY & HOT TUNA  Di Aldo Bagli,Manuel Insolera,Maria Laura Giulietti,Giuseppe Cavazzoni + AUDIO CONCERT LIVE MUSIC INN LENOX  26 July 1975

-----------------------------------------

GRACE SLICK DEI JEFFERSON AIRPLANE AL FESTIVAL DI WOODSTOCK 1969
GRACE SLICK A ROMA Di Maria Laura Giulietti e Maurizio Bianchini
ANTEPRIMA JEFFERSON AIRPLANE - LA' OLTRE LA PAZZIA : Baron von Tollbooth & the Chrome Nun Di Maurizio Baiata
JIM MARSHALL TRIBUTE
HOW THE WEST WAS WON : LA MEMORIA FOTOGRAFICA DI HENRY DILTZ
ELLIOTT LANDY - WOODSTOCK VISION - LO SPIRITO DI UNA GENERAZIONE Di Cristina Franzoni
FLASHING ON THE SIXTIES : GLI ANNI '60 DELLA FOTOGRAFA HIPPIE LISA LAW
DALL' ETERNITA' A QUI Di Charles Perry e Henry Diltz
SUMMER OF LOVE Di Wenner e Ditz
RED DOG SALOON Di Alberto Crespi
WOODSTOCK FESTIVAL REMEMBER 1969-2012 Seconda Parte 
CROSBY STILLS & NASH AD AOSTA IL 21 Luglio 2010 Di Danilo Jans
PARLA JERRY GARCIA DEI GRATEFUL DEAD : PAROLE DAL MORTO RICONOSCENTE Di Maria Laura Giulietti
IMMAGINI DA HIPPIE Di Matteo Guarnaccia
ECCEZIONALE - DAVID CROSBY:HO VOGLIA DI PARLARVI Di Aldo Blasi e Maria Laura Giulietti

---------------------------

giovedì 29 marzo 2018

35° ANNIVERSARIO DELLA MORTE 1983-2018 E 105° DELLA NASCITA DI MUDDY WATERS 1913 - 2018 + BONUS AUDIO CONCERT L'OLYMPIA PARIS FRANCE 1964


Muddy Waters, nato McKinley Morganfield (Rolling Fork, 4 aprile 1913 – Westmont, 30 aprile 1983), è stato un cantautore e chitarrista statunitense, generalmente considerato "il padre del blues di Chicago". È anche il padre dei musicisti blues Big Bill Morganfield e Mud Morganfield.
Considerato uno dei più grandi bluesmen di tutti i tempi nonché uno degli artisti blues più influenti del ventesimo secolo, Muddy Waters è stato ispirazione per l'esplosione della musica beat britannica degli anni sessanta e punto di riferimento per gruppi come Rolling Stones e Yardbirds.
Muddy Waters è stato posizionato al 49º posto nella lista dei 100 migliori chitarristi di tutti i tempi stilata dalla rivista Rolling Stone.
La sua vita e quella della casa discografica Chess sono state raccontata nel film del 2008 Cadillac Records.

Biografia
Venne soprannominato fin da bambino Muddy Waters ("acque fangose") dalla nonna per via della sua abitudine di sguazzare nel fango in riva al Mississippi. Suo padre, Ollie Morganfield, era un contadino e un musicista; sua madre, Berta Jones, morì quando Muddy Waters aveva appena tre anni, lasciando ben dieci figli. In seguito alla morte della madre, Muddy seguì la nonna a Clarksdale. Qui, all'età di nove anni iniziò a suonare l'armonica e a sedici la chitarra.
Nonostante guadagnasse qualche centesimo suonando a feste e pic-nic nei dintorni di Clarksdale, lavorava, come la maggior parte dei neri del Sud, come raccoglitore nei campi di cotone dei bianchi. Son Slims, violinista e chitarrista, fu uno dei suoi primi maestri e con lui nel 1942 fece la sua prima registrazione per l'esperto in folklore Alan Lomax. Per un certo periodo gestì un juke joint, una sorta di locale improvvisato dove si praticava il gioco d'azzardo e si poteva ascoltare la musica di un jukebox, o lo stesso Muddy che si esibiva dal vivo.
Le sue prime registrazioni non vennero pubblicate (uscirono solo decenni dopo), e Muddy Waters decise di andare a cercar fortuna a Chicago, dove il blues stava ormai dilagando. Arrivato nella maggiore città dell'Illinois, lavorava di giorno come autista e di sera suonava nei bar e in piccoli club. Fece così conoscenza con Sonny Boy Williamson e Tampa Red. Trovò presto un contratto con la casa discografica blues Chess, con la quale in seguito avrebbero firmato bluesmen come Little Walter, Howlin' Wolf e Chuck Berry.

Il Successo
Inizialmente, i fratelli Leonard e Phil Chess – fondatori dell'omonima casa discografica[4] – non permisero a Muddy di farsi accompagnare dalla propria band nelle registrazioni in studio; difatti, nei primi dischi pubblicati per la Chess Records, è Ernest "Big" Crawford al contrabbasso ad accompagnare Waters alla chitarra elettrica. Dopo qualche anno, Chess cambiò idea, e nel settembre del 1953 registrò per la prima volta Muddy Waters e l'intera band. Quest'ultima rimane una delle formazioni più acclamate e influenti della storia del blues: Little Walter all'armonica, Jimmie Rogers alla chitarra, Elga Edmonds (noto anche come Elgin Evans) alla batteria e Otis Spann al piano. La band, durante tutti gli anni cinquanta, registrò una serie di classici passati alla storia del genere, con l'aiuto del bassista/cantautore Willie Dixon, che per loro compose classici come Hoochie Coochie Man (Numero 8 nella classifica dei singoli R&B più venduti), I Just Want to Make Love to You (Numero 4), e I'm Ready. Secondo il critico di Rolling Stone Robert Palmer, queste tre canzoni rimangono il cavallo di battaglia della band. Muddy Waters, insieme all'armonicista Little Walter e al bluesman/band leader Howlin' Wolf, regnò su tutta la scena blues di Chicago dei primi anni cinquanta; la sua band fu riconosciuta da molti come la migliore del periodo. Mentre Little Walter, sebbene nel 1952 iniziò una carriera solista, continuò a collaborare con Waters per tutto il decennio; Muddy sviluppò invece, nei confronti di Howlin' Wolf, una sorta di rispettosa rivalità. Altri successi della band di Muddy Waters furono Mannish Boy e Sugar Sweet nel 1955, seguite dalle hit Trouble No More, Forty Days & Forty Nights e Don't Go No Farther nel 1956.
Nel 1958, Muddy Waters si esibì in Inghilterra, e fece scalpore grazie al suo sound elettrico, potente e folgorante. La popolazione inglese, abituata al folk/blues di Sonny Terry, Brownie McGhee e Big Bill Broonzy, rimase profondamente colpita da Waters e dalla sua band; la loro esibizione alimentò in loro il rispetto per un genere come il blues. Al Jazz Festival di Newport del 1960, Muddy Waters tenne una storica performance che fu registrata e pubblicata in un LP dal titolo At Newport 1960.
Dopo il grande successo riscosso in patria dalla sua ultima grande hit, I'm Ready del 1956, per la maggior parte della restante carriera Muddy Waters registrò soprattutto album, come Brass and the Blues o Electric Mud. Nel 1967 collaborò con Bo Diddley, Little Walter e Howlin' Wolf, registrando con loro alcuni album. Nel 1972 tornò in Inghilterra, e registrò le London Muddy Waters Session con Rory Gallagher, Steve Winwood, Rick Grech e Mitch Mitchell.

Morte
Muddy Waters morì nel sonno il 30 aprile 1983 nella sua casa di Westmont, poche settimane dopo il suo 70º compleanno. Al suo funerale, una folla di musicisti blues e fan rese omaggio a una delle forme d'arte più genuine.
Due anni dopo la sua morte, la città di Chicago onorò il suo ricordo rinominando una parte della 43rd Street in "Honorary Muddy Waters Drive", laddove un tempo egli aveva abitato.
A proposito della morte di Muddy Waters, B.B. King dichiarò a Guitar World: «Dovranno passare anni e anni prima che la maggior parte della gente comprenda quanto è stato grandioso per la storia della musica americana».


35° ANNIVERSARIO DELLA MORTE 1983-2018 E 105° DELLA NASCITA DI MUDDY WATERS 1913 - 2018 + BONUS AUDIO CONCERT L'OLYMPIA PARIS FRANCE 1964

Muddy Waters
Olympia
Paris 1964

1. Country Boy
2. Baby Please Don't Go
3. Hoochie Coochie Man
4. Tiger In Your Tank
5. She's 19 Years Old
6. Counrty Jail
7. Long Distance Call
8. Rock Me Baby
9. Trouble No More
10. Rosalie
11. Rollin' and Tumblin'

http://www.archive.org/serve/MuddyWaters1964OlympiaTheaterParisFrance/MuddyWaters1964OlympiaTheaterParisFrance.mp3

-------------------------------------------------------------

BILL MORGANFIELD (MUDDY WATERS SON)  -  AOSTA BLUES FESTIVAL ITALY 2005 Seconda Parte Di Danilo Jans
http://musicitaly70.blogspot.it/2016/03/bill-morganfield-muddy-waters-son-aosta.html
THE BAND : THE LAST WALTZ
http://musicitaly70.blogspot.it/2015/12/the-last-waltz.html
JOHNNY WINTER / 3 : TUTTI POSSONO CAPIRE IL BLUES + BONUS LIVE AUDIO MONTREUX SWITZERLAND 1970
http://musicitaly70.blogspot.it/2018/02/johnnywinter-3.html
JOHN LEE HOOKER MEGAPOST + LIVE AUDIO CONCERT IMOLA ITALY 13 MAY 1981
ALBERT KING - COMPLETE SESSION FOTOGRAFICA TRATTA DAI PROVINI SU PELLICOLA  DAL VIVO AL TEATRO  GIACOSA IVREA ITALY 8 NOVEMBER 1978 Prima Parte Di Danilo Jans WITH CONCERT AUDIO & COVER http://musicitaly70.blogspot.it/2013/05/albert-king-complete-session.html
CANNED HEAT - BLUES IN SCATOLA
CHUCK BERRY DEAD AT 90 + BONUS AUDIO CONCERT BBC THEATRE LONDON 29 MARCH 1972
ROBERT GORDON MEGAPOST - Di Federico Ballanti e Anna Abate + AUDIO LIVE The Malibu Club Lido New York 5 Giugno 1981 Con DANNY GATTON !
ROLLING STONES / 10 : IAN "STU" STEWART RACCONTA GLI STONES - 1966

----------------------------------------

LIVE IN ITALY
CROSBY STILLS NASH & YOUNG ITALY
EARLY SANTANA ITALY
MONDO POPOLARE 2
HELABERARDA
MONDO POPOLARE
foto DANILO JANS
DANILO JANS ART
MUSIC ITALY 70
PONT SAINT MARTIN ALTERNATIVA
THE LOST CONCERTS
ROCK RARE COLLECTION FETISH

mercoledì 28 marzo 2018

MAGMA / 2 : LA FRECCIA VERSO L'INFINITO + BONUS AUDIO CONCERT L'OLYMPIA PARIS FRANCE 1980


I Magma sono un gruppo francese di rock progressivo fondato nel 1969 dal batterista di formazione classica Christian Vander, che dichiara di aver trovato la sua ispirazione in una "visione del futuro spirituale ed ecologico dell'umanità" che lo inquietava parecchio.

Storia dei Magma
Nel loro primo album, i Magma raccontano la storia di un gruppo di persone che fuggono da una Terra destinata all'annientamento per stabilirsi sul pianeta Kobaïa. In seguito, sorgono dei conflitti quando i kobaiani (discendenti dei primi colonizzatori) incontrano altri rifugiati terrestri. Un aspetto importante degli album dei Magma è che Vander ha inventato una lingua artificiale, il kobaiano, nella quale sono scritti la maggior parte dei testi. Gli album successivi raccontano altre storie, ambientate in tempi più antichi; il kobaiano resta comunque una parte integrante della musica.
Considerati da molti musicalmente avventurosi e fantasiosi, i Magma fanno ampio uso dei cori; il loro album Mekanïk Destruktïw Kommandöh evoca in particolar modo il compositore classico Carl Orff, mentre Wurdah Itah rivela collegamenti con la musica per pianoforte di Béla Bartók e "Les Noces" del maestro russo Igor Stravinsky. L'opera dei Magma è fortemente influenzata dal sassofonista jazz John Coltrane.
Molti musicisti, negli anni, hanno suonato insieme ai Magma, ed hanno poi creato i loro progetti musicali solisti o paralleli, indicati con il termine kobaiano Zeuhl, che è il nome del loro stile e della scena musicale francese di jazz fusion/rock sinfonico che li circonda. Oltre al batterista-compositore Christian Vander, i più noti componenti della vecchia formazione dei Magma sono probabilmente il violinista Didier Lockwood, il tastierista Benoît Widemann ed il bassista e coautore Jannick Top (che è poi diventato anche produttore per gli album di Celine Dion).


VIDEO
Magma Zëss Partie 1-2-3-4
https://www.youtube.com/watch?v=cOPxIK2Gpxg&list=PLuzeS7z4hVhWIyehPxUzWjR_lsXsrv_2E


MAGMA / 2 : LA FRECCIA VERSO L'INFINITO + BONUS AUDIO CONCERT L'OLYMPIA PARIS FRANCE 1980

Magma
1980-06-10
L'Olympia
Paris, France

d1t1 Kobaia (10:26)
d1t2 Band Intros (2:46)
d1t3 Ki Iahl O Liahk (10:23)
d1t4 "Iss" Lansei Doia (10:59)
d1t5 Kohntarkosz part 1 (10:19)
d1t6 Kohntarkosz part 2 (21:36)

d2t1 Theusz Hamtaahk part 1 (23:53)
d2t2 Theusz Hamtaahk part 2 (9:12)
d2t3 Retrovision (18:18)
d2t4 Hhai (14:08)

d3t1 Zess (34:50)
d3t2 Mekanik Destruktiw Kommandoh (43:00)

http://www.archive.org/serve/Magma1980-06-10OlympiaTheaterParisFrance/Magma1980-06-10OlympiaTheaterParisFrance.mp3

--------------------------------------------------

MAGMA 1975 : UNIVERSO DOGMA RITUALE SOGNO... + BONUS LIVE AUDIO TOKYO JAPAN 2015
http://musicitaly70.blogspot.it/2018/02/magma.html

-------------------------------------------------

WEATHER REPORT 1981 : POSTERSTORY + BONUS AUDIO LIVE NORTHWESTERN UNIVERSITY EVANSTON ILLINOIS 2 NOVEMBER 1974
JOHN McLAUGHLIN & MAHAVISHNU ORCHESTRA : BISOGNA SUPERARE I CONFINI DELLA MENTE PER USARE LA TESTA Di Marco Fumagalli
TRA IL NULLA E L'ETERNITA'...LA MAHAVISHNU ORCHESTRA SI E' SCIOLTA Di Enzo Caffarelli
1973 : MILES DAVIS,QUEL GIORNO AL RAINBOW Di Trashman
DEMETRIO STRATOS : UNA METRODORA PER LA VOCE DEGLI AREA / DEMETRIO CANTA LA VOCE SENZA AREA / AREA I MARZIANI ILLUSTRI / MILANO TUTTI INSIEME PER DEMETRIO
AREA/Anteprima - IL "CRAC" DOPO LA RIVOLUZIONE  Di Armando Gallo
AREA ZONA RADIOATTIVA di Renato Marengo 
AKTUALA : IL CANTICO DELLA JUNGLA e VIAGGIO NEL MAROCCO Di Marco Ferranti e Enzo Caffarelli 

----------------------------------------

lunedì 26 marzo 2018

1987 : Gli EFFERVESCENT ELEPHANTS


Gli Effervescent Elephants sono stati un gruppo italiano di rock psichedelico formatosi a Vercelli nel 1985 sulle ceneri di un gruppo precedente, i Clown. Sono stati assieme ai No Strange, i Birdmen of Alkatraz e gli Steeplejack i principali esponenti della scena neopsichedelica italiana.

Storia degli Effervescent Elephants
La formazione iniziale era composta da Lodovico Ellena (chitarra, testi), Corrado Giolito (voce), Lorenzo Provebio (tastiere), Sergio Monti (basso), Aldo Casciano (batteria).
Il nome del gruppo si collega al brano Effervescing Elephant di Syd Barrett. Ispirati quindi dalla psichedelia inglese, hanno esordito nel 1986 per la Electric Eye con l'EP Radio Muezzin bissato l'anno seguente dall'album Something to Say, ricco di suggestioni di acid rock.
Dopo la pubblicazione della cassetta 16 Pages inaspettatamente il gruppo si scioglie, alcuni componenti formano i Folli di Dio di cui viene stampato il loro album omonimo dalla Mellow nel 1992, gli altri i Clockmakers.
Nel 1989 il gruppo si riforma nella formazione originaria tranne il cantante Corrado Giolito. Pubblicano per la Face Records l'EP Indian Corn Expansion. Mentre il gruppo sta preparando il secondo album in studio si scioglie. I brani di questo secondo lavoro, intitolato Sand and Wind mai pubblicato, sono stati inclusi nel libro di Ellena Quando gli spinaci erano stravolti e poi nell'album Ghosts in the Fog dei The Mirrors guidato da Ellena che successivamente è entrato a far parte di altre formazioni: Folli di Dio, The Arcanes, Lodovico Ellena e gli Assurdi, gli Astral Weeks per poi incidere 2 album da solista. In questo stesso periodo l'etichetta inglese di Steve Lines, la Acid Tapes, pubblica una manciata di inediti registrati nello studio della band intitolata "Another summer of grass".
Nel 2010 viene pubblicato dalla Psych-Out Records un album di inediti del gruppo intitolato From the End to the Beginning.
Nel 2011, grazie ad un incontro con il cantautore psichedelico Claudio Rocchi, nasce un disco con Rocchi stesso alla voce che rivede la momentanea ricostituzione degli Effervescent Elephants originali. In seguito a quelle sessions il quartetto si riunisce ancora una volta per incidere nel 2013 su Cd il testamento artistico della band, "Ganesh sessions", che Area Pirata pubblicherà nel 2017.
Nel 2015 un Cd-tributo al prematuramente scomparso Claudio Rocchi vede ancora una volta gli Effervescent Elephants insieme al flautista Domenico Salussolia ripescare dagli archivi la particolare versione originale di "Esistono porte", che Rocchi nel disco in collaborazione con il gruppo trasformerà poi in "Niente di meno".
Alcuni componenti (Aldo Casciano, Lodovico Ellena e Sergio Monti) hanno inoltre partecipato alla realizzazione di un disco, "Sinfonia psichedelica", con ospite d'onore Jenny Sorrenti, regina del progressive italiano. A tale lavoro ha partecipato la crema della psichedelia nazionale: Alberto Ezzu (No-Strange) e Fabrizio Cecchi (Trip Hill) tra gli altri insieme ad Aldo Mella, quest'ultimo contrabbassista del pianista jazz Franco D'Andrea (ex Perigeo).


1987 : Gli EFFERVESCENT ELEPHANTS

SYD BARRETT & PINK FLOYD CATACLYSM MEGAPOST !!! + LIVE AUDIO CONCERT SYD BARRETT'S LAST RECORDING SESSIONS ABBEY ROAD STUDIOS 12 AUGUST 1974
PRIMO FESTIVAL INTERNAZIONALE DI MUSICA POP IN EUROPA : PALAZZO DELLO SPORT ROMA 4-6 Maggio 1968 Di Mark Paytress 
THE ELECTRIC PRUNES Megapost + LIVE AUDIO CONCERT ANNAPOLIS 4 MAY 2008
SUMMER OF LOVE
VITA E MORTE DI BRIAN JONES IL PRIMO LEADER DEI ROLLING STONES : CHI HA UCCISO BRIAN JONES Di Carol Clerk THE BITTERSWEET SYMPHONY
PLEASED TO MEET YOU....Featuring Charles Manson,Mick Jagger,Dennis Wilson,Sharon Tate,Roman Polanski,Susan Atkins,The Beatles and More,More.More....+ Bonus Gallery
30 GENNAIO 1969 : THE BEATLES ROOFTOP CONCERT LONDON...IL PIU' INCREDIBILE DEI LIVE + BONUS AUDIO EXTRA!
CLAUDIO ROCCHI / MEGAPOST
FRANCO BATTIATO : ELOGIO DI UN COMPUTER GENIALE Di Fiorella Gentile e Carlo Massarini
http://helaberarda.blogspot.it/2012/12/franco-battiato-elogio-di-un-computer.html
AKTUALA : IL CANTICO DELLA JUNGLA e VIAGGIO NEL MAROCCO Di Marco Ferranti e Enzo Caffarelli 
http://helaberarda.blogspot.it/2012/11/aktuala-il-cantico-della-jungla-e.html
SAINT JUST - BALLI DI CORTE E ARPEGGI DI CHITARRA di GIORGIO RIVIECCIO
http://musicitaly70.blogspot.it/2013/05/saint-just-balli-di-corte-e-arpeggi-di.html
JURI CAMISASCA : UNA RIVELAZIONE
MEGAPOST FRANK ZAPPA 1968 : LA COMUNE DELLA LOG CABIN NEL LAUREL CANYON, LE MADRI, LE GTO's E I SUOI FAMOSI VICINI DI CASA + LIVE AUDIO CONCERT FULLERTON CALIFORNIA 11 NOVEMBER 1968
CAPTAIN BEEFHEART MEGAPOST : MA QUESTO E' CAPTAIN BEEFHEART! Di Manuel Insolera / L'ENERGIA DEL CAPITANO Di Maria Laura Giulietti / THE BLACK RIDER Di Mark Paytress  + BONUS AUDIO LIVE CONCERT KNEBWORTH FESTIVAL ENGLAND 1975
ESCLUSIVO / TERRY RILEY : L'IMMENSITA' CELESTE Di Manuel Insolera e Maria Laura Giulietti 
http://musicitaly70.blogspot.it/2013/05/esclusivo-terry-riley-limmensita.html

------------------------------------------

LIVE IN ITALY
CROSBY STILLS NASH & YOUNG ITALY
EARLY SANTANA ITALY
MONDO POPOLARE 2
HELABERARDA
MONDO POPOLARE
foto DANILO JANS
DANILO JANS ART
MUSIC ITALY 70
PONT SAINT MARTIN ALTERNATIVA
THE LOST CONCERTS
ROCK RARE COLLECTION FETISH