lunedì 27 marzo 2017

CHUCK BERRY DEAD AT 90 + BONUS AUDIO CONCERT BBC THEATRE LONDON 29 MARCH 1972


Charles Edward Anderson "Chuck" Berry (Saint Louis, 18 ottobre 1926 – Saint Charles, 18 marzo 2017) è stato un cantautore, chitarrista e compositore statunitense, in particolare di musica rock and roll.
Considerato uno dei padri del rock, oltre a essere stato uno dei primi miti del rock and roll le sue canzoni furono tra le prime ad avere la chitarra come strumento principale.Berry (autore e interprete delle sue canzoni) è stato anche il primo, utilizzando sempre toni semplici e ironici, a inserire nei suoi testi tematiche riguardanti gli adolescenti e la rivolta che stava interessando loro in quegli anni, quando i giovani cominciarono a ribellarsi agli ideali degli adulti quali la famiglia, il lavoro e la morale.
Citato come fonte di ispirazione da più generazioni di chitarristi di diversi stili, la rivista Rolling Stone lo ha inserito al quinto posto nella lista dei 100 migliori artisti e al settimo in quella dei 100 migliori chitarristi. A Chuck Berry è attribuita anche la cosiddetta "Duck Walk" (o passo dell'anatra), caratteristica camminata eseguita mentre suona la chitarra e diventata suo tratto caratteristico

Biografia
Chuck Berry è stato il primo grande narratore folk della musica giovanile.[senza fonte] Nato a Saint Louis nel Missouri, Berry da giovane aveva una forte tendenza a delinquere, tanto da aver passato diverso tempo in riformatorio a causa di una rapina. Raccomandato da Muddy Waters, Berry si presentò alla Chess Records con Maybellene: da qui ebbe inizio la sua carriera musicale. I suoi testi rappresentano il primo esempio di poesia rock e raccontano storie di adolescenti in cerca di libertà e divertimento. I suoi capolavori sono concentrati in un periodo di soli 3 anni, dal 1955 al 1958. Nel 1959 la sua carriera ha una brutta battuta d'arresto causata dalla condanna a 3 anni di prigione per aver introdotto illegalmente una minorenne negli Stati Uniti.
La sua carriera esplode quando, nel 1955, incide Maybellene, riadattamento di una sua vecchia composizione, Ida Red, frutto di quella magica commistione rhythm 'n' blues-country che costituisce la ricetta ideale per il prodotto finale, il rock 'n' roll: il successo è straordinario, ben oltre le aspettative e a questo ne seguiranno tanti altri: Roll Over Beethoven, Thirty Days, You Can't Catch Me, School Day, Johnny B. Goode, Rock and Roll Music. È stato inserito nella classifica dei "100 migliori artisti di sempre" secondo la rivista Rolling Stone, aggiudicandosi il quinto posto.

Inizi e apprendistato con Johnnie Johnson (1926–54)
Berry nacque quartogenito in una famiglia composta da sei figli. Crebbe nel quartiere di Saint Louis conosciuto come "The Ville", una zona in cui all'epoca abitava gente del ceto medio. Suo padre era un imprenditore e un diacono della locale chiesa battista. La sua posizione sociale abbastanza agiata diede a Berry la possibilità di coltivare la sua passione per la musica già in giovane età; riuscì a fare la sua prima esibizione pubblica nel 1941 quando ancora frequentava la Sumner High School. Solo tre anni dopo, nel 1944, ancora studente, venne arrestato e incarcerato per rapina a mano armata dopo aver rapinato tre negozi di Kansas City e rubato un'auto insieme a un gruppo di amici. A proposito di questo spiacevole episodio, lo stesso Berry nella sua autobiografia racconta che la sua macchina si ruppe e che quindi fermò un'auto che passava di lì e la rubò puntando al conducente una pistola scarica e non funzionante. Berry venne immediatamente spedito al riformatorio di Algoa, nei pressi di Jefferson City, nel Missouri,[10] dove formò un quartetto vocale e si allenò facendo un po' di pugilato.
Dopo essere uscito di prigione il giorno del suo 21º compleanno nel 1947, Berry sposò Themetta "Toddy" Suggs il 28 ottobre 1948; il 3 ottobre 1950 dal matrimonio nacque una figlia, Darlin Ingrid Berry. Berry manteneva la famiglia arrangiandosi facendo diversi lavoretti a St. Louis, fra i quali operaio in due fabbriche d'auto, portinaio dello stabile dove abitava, estetista. Nel 1950 la famiglia riuscì a comprarsi un appartamentino di tre stanze in Whittier Street, che attualmente è stato dichiarato edificio storico.
All'inizio degli anni cinquanta, Berry suonava con vari gruppi in diversi locali di St. Louis come secondo lavoro. Suonava musica blues fin da quando era ragazzino, e ormai aveva sviluppato una certa abilità con la chitarra. Nel 1953 Berry iniziò ad esibirsi con il gruppo di Johnnie Johnson, dando inizio a una lunga collaborazione con il pianista. Anche se la band suonava principalmente ballate blues, la musica più popolare presso i bianchi della zona era il country. Berry scrisse: «La curiosità mi portò a suonare molta di quella roba country al nostro pubblico in prevalenza fatto di neri, e la gente iniziò a chiedere in giro "chi fosse quell'hillbilly nero che suonava al Cosmo". Dopo che mi risero in faccia un paio di volte, iniziarono a chiedermi di suonare brani country perché erano ballabili.»

Chess Records: Successo e guai giudiziari (1955–62)
Nel maggio 1955, dietro raccomandazione di Muddy Waters, Berry andò a Chicago per mettersi in contatto con Leonard Chess della Chess Records. Berry pensava infatti che il suo materiale blues potesse essere di interesse per la Chess, ma con sua grande sorpresa fu invece il vecchio classico country & western di Bob Wills, intitolato Ida Red, che Berry aveva registrato quasi per scherzo con il titolo Ida May a ottenere l'attenzione della Chess. Quindi il 21 maggio 1955 Berry incise un adattamento di Ida Red reintitolato Maybellene con la partecipazione di Johnnie Johnson al pianoforte, Jerome Green (dalla band di Bo Diddley) alle maracas, Jasper Thomas alla batteria e Willie Dixon al basso. Maybellene vendette quasi un milione di copie, raggiungendo il primo posto della classifica di Billboard riservata al Rhythm and Blues e la numero 5 nella classifica generale di vendite negli Stati Uniti.
Alla fine di giugno 1956, un altro suo brano, Roll Over Beethoven, raggiunse la posizione numero 29 della Billboard Top 100, e Berry diventò di colpo una star. Lui e Carl Perkins diventarono amici e iniziarono ad andare in tour insieme. Perkins diceva che «Berry era un vero appassionato di musica country e che lo rispettava come compositore».
Singoli di successo continuarono a uscire per tutto il 1957 e il 1959, e Berry ottenne circa una dozzina di piazzamenti in classifica, inclusi successi da top 10 U.S. come School Days, Rock and Roll Music, Sweet Little Sixteen e Johnny B. Goode.
Alla fine degli anni cinquanta, Berry era ormai un artista di ampio e consolidato successo internazionale. Ma nel dicembre 1959 fu improvvisamente arrestato per avere avuto rapporti sessuali con una ragazzina quattordicenne che lavorava in un locale di sua proprietà. Ritenuto colpevole, venne condannato a scontare cinque anni di condanna in prigione e a una multa di 5.000 dollari. Berry si appellò definendo la sentenza ingiusta e razzista, e in un secondo processo nel 1961 ottenne una riduzione di pena a tre anni di reclusione. Presto la sua popolarità cominciò a calare a causa dell'arresto, e le sue vicende giudiziarie incisero non poco sulla vendita dei suoi dischi.

Mercury Records (1963–69)
Quando Berry uscì di prigione nel 1963, riuscì a tornare nel giro del music business grazie all'interessamento che verso di lui stavano dimostrando i gruppi della cosiddetta British invasion come i Beatles e i Rolling Stones, che avevano in repertorio molte cover di suoi brani; o come i Beach Boys che avevano basato il loro successo del 1963 Surfin' USA sulla sua Sweet Little Sixteen; la reinterpretazione (non autorizzata) dei Beach Boys fu riconosciuta come plagio solo molti anni dopo con una multa di 1 milione di dollari a danno del gruppo. Tra il 1964 e il 1965 Berry pubblicò otto singoli, compresi No Particular Place to Go, You Never Can Tell, e Nadine[31] che riscossero un buon successo commerciale, anche se erano in prevalenza "riscritture" di suoi vecchi pezzi come School Days. Dal 1966 al 1969 Berry pubblicò cinque album per la Mercury Records, incluso il suo primo disco dal vivo Live at Fillmore Auditorium, ma i dischi non ebbero dalla critica e dal pubblico il riscontro di un tempo.

Ritorno alla Chess: My Ding-a-Ling e concerto alla Casa Bianca (1970–79)
Chuck Berry fece ritorno alla Chess Records dal 1970 al 1973. Anche se il suo album del 1970 Back Home non generò nessun singolo di successo, nel 1972 la Chess pubblicò una nuova registrazione live del brano My Ding-a-Ling, canzone che Berry aveva originariamente registrato anni addietro nel suo LP del 1968 From St. Louie to Frisco con il titolo My Tambourine. Il brano, a sorpresa, divenne l'unico numero 1 in classifica, per due settimane, dell'artista, riscuotendo un enorme successo. Il secondo periodo di Berry alla Chess terminò con il disco Chuck Berry del 1975, dopo il quale non incise più nulla per circa tre anni fino a Rock It del 1979 uscito per l'etichetta Atco Records, che rimane il suo ultimo album di studio vero e proprio.
Durante gli anni settanta, Berry fece molti concerti durante i quali riproponeva principalmente i suoi vecchi successi degli anni cinquanta. Su richiesta del presidente Jimmy Carter, Chuck Berry fu chiamato ad esibirsi anche alla Casa Bianca il 1º giugno 1979.
Poco tempo dopo, Berry ebbe ancora problemi con la giustizia: venne infatti accusato di evasione
fiscale per non avere pagato le tasse inerenti ai suoi compensi per i concerti. Avendo già due precedenti penali alle spalle, Berry si dichiarò colpevole di evasione fiscale e nel 1979 venne condannato a quattro mesi di prigione e a 1.000 ore di servizio civile, da scontarsi facendo concerti benefici.

Ancora "on the road" (dal 1980 in poi)
Berry continuò a suonare dai 70 ai 100 concerti all'anno per tutti gli anni ottanta. Nel 1986 Taylor Hackford girò un documentario, intitolato Hail! Hail! Rock 'n' Roll, riguardante il concerto celebrativo organizzato da Keith Richards (grande fan di Berry) per celebrare il sessantesimo compleanno di Chuck Berry.[36] Al concerto parteciparono anche Eric Clapton, Etta James, Julian Lennon, Robert Cray e Linda Ronstadt, che apparvero tutti sul palco insieme a Berry interpretando i suoi brani più famosi.
A fine anni ottanta Berry comprò un ristorante a Wentzville, Missouri, il "The Southern Air", e nel 1990 venne accusato da molte donne di aver installato una videocamera nei bagni delle signore per spiarle a loro insaputa. Berry si difese dichiarando che la telecamera era stata installata per controllare una sua dipendente sospettata di rubare nel ristorante. Nonostante la sua colpevolezza non venne mai accertata in tribunale, Berry optò per un risarcimento collettivo in via privata a 59 donne che gli avevano fatto causa. Il biografo ufficiale di Berry, Bruce Pegg, ha stimato che il "risarcimento" sia costato a Berry non meno di 1 milione di dollari più le spese legali.In aggiunta, una perquisizione effettuata dalla polizia nella residenza di Berry, svelò l'esistenza di numerosi nastri video contenenti immagini di donne che utilizzavano il bagno del locale, e una di queste risultò essere minorenne. Durante la perquisizione furono trovati anche 62 grammi di marijuana. Per evitare eventuali accuse di pedofilia, Berry si dichiarò colpevole di possesso di marijuana e patteggiò la pena. Venne condannato a sei mesi di prigione (sentenza poi sospesa), due anni di libertà vigilata, e a una multa di 5.000 dollari da donarsi all'ospedale locale. Berry ha continuato ad esibirsi per tutti gli anni 2000 costantemente facendo anche diversi tour.

Morte
Da tempo in declino fisico, Berry si è spento il 18 marzo 2017 all'età di 90 anni, nella sua residenza a Saint Charles in Missouri.

CHUCK BERRY e MIKE BLOOMFIELD
CHUCK BERRY DEAD AT 90 + BONUS AUDIO CONCERT BBC THEATRE LONDON 29 MARCH 1972

CHUCK BERRY 
BBC Theatre 
London (England) 
March 29, 1972 

Chuck Berry (vocals/lead guitar) 
Jimmy Campbell (rhythm guitar) 
Billy Kinsley (bass) 
Dave Harrison (drums) 
Michael Snow (piano) 

01. Roll Over Beethoven 
02. Sweet Little Sixteen 
03. Memphis, Tennessee 
04. Beer Drinking Woman 
05. Let It Rock 
06. Mean Old World 
07. Carol 
08. Liverpool Drive 
09. Nadine 
10. Bye Bye Johnny > Bonsoir Cherie 
11. Johnny B. Goode 

11 separate tracks 
Total time : 43'29" 



--------------------------------------------------------------------------------------

ROBERT GORDON MEGAPOST - Di Federico Ballanti e Anna Abate + AUDIO LIVE The Malibu Club Lido New York 5 Giugno 1981 Con DANNY GATTON !
JOHN LENNON,ELVIS PRESLEY E GLI ALIENI
ELVIS PRESLEY AVVISTATO SU UN UFO
GIOVANNI CHIAVARO IL JERRY LEE LEWIS ITALIANO
JERRY LEE LEWIS : STARCLUB REEPERBAHM HAMBURG GERMANY 5 APRIL 1964
INTERVISTA AGLI STRAY CATS Di Fabio Nosotti

1961 : IL CONCLAVE DELL'URLO Di Rodolfo D'Intino  


L'IRRIDUCIBILE Di Piero Vivarelli e Roberto Silvestri 


SWISS REBELS Di Karlheinz Weinberger


ELMER BATTERS / 1


C'ERANO I JUKE BOX FUORI DAI BAR... Di Armando Buscema
JAILHOUSE ROCK Di Jamie Malanowski

BB KING - DAL VIVO AL JVC FESTIVAL PIAZZA SAN CARLO TORINO ITALY 1995 Prima Parte Di Danilo Jans
DANILO JANS PHOTOGRAPHER ARTIST GALLERY / 1
JOHN LEE HOOKER MEGAPOST + LIVE AUDIO CONCERT IMOLA ITALY 13 MAY 1981
JOHNNY WINTER : TEXAS ON MY MIND Di Claudio Garbari
I DISCHI DELLA NOSTRA VITA :  THE HUMBLER LIVE / ROBERT GORDON & DANNY GATTON + BONUS AUDIO CONCERT BERKELEY SQUARE CALIFORNIA  25 JANUARY 1983
E' MORTO A 68 ANNI ALVIN LEE : CINQUE ARTICOLI DI Romano Belletti,Enzo Caffarelli,Maurizio Baiata,Giorgio Rivieccio e Nicola Bandini 
ALBERT KING - COMPLETE SESSION FOTOGRAFICA TRATTA DAI PROVINI SU PELLICOLA  DAL VIVO AL TEATRO  GIACOSA IVREA ITALY 8 NOVEMBER 1978 Prima Parte Di Danilo Jans WITH CONCERT AUDIO & COVER 
THE TEDS Di CHRIS STEELE-PERKINS & RICHARD SMITH
SWEET GENE VINCENT
1961 : IL CONCLAVE DELL'URLO Di Rodolfo D'Intino  
30 GENNAIO 1969 : THE BEATLES ROOFTOP CONCERT LONDON...IL PIU' INCREDIBILE DEI LIVE + BONUS AUDIO EXTRA!
http://musicitaly70.blogspot.it/2015/06/30-gennaio-1969-beatles-rooftop-concert.html
8 GIORNI DOPO JOHN LENNON ERA MORTO Di Allan Tannenbaum e Roberto D'Agostino
http://musicitaly70.blogspot.it/2013/10/8-giorni-dopo-john-lennon-era-morto-di.html

------------------------------------------------------------------

LIVE IN ITALY
CROSBY STILLS NASH & YOUNG ITALY
EARLY SANTANA ITALY
MONDO POPOLARE 2
HELABERARDA
MONDO POPOLARE
foto DANILO JANS
DANILO JANS ART
MUSIC ITALY 70
PONT SAINT MARTIN ALTERNATIVA
THE LOST CONCERTS
ROCK RARE COLLECTION FETISH

Nessun commento:

Posta un commento