domenica 20 agosto 2017

I DISCHI DELLA NOSTRA VITA : 5 / DANILO JANS's FAVORITIES - SECONDA PARTE

PRIMA PARTE
------------------------------------------------


CROSBY STILLS NASH & YOUNG
Déjà vu - 1970

David Crosby — voce, chitarra solista
Stephen Stills — voce, chitarra solista, basso, tastiere
Graham Nash — voce, chitarra ritmica, tastiere
Neil Young — voce, chitarra ritmica e solista, tastiere, armonica
Musicisti aggiuntivi
Dallas Taylor: Batteria e Percussioni 
Gregory Reeves: Basso
Jerry Garcia: Pedal steel guitar 
John Sebastian: Armonica a bocca 
Bill Halverson: ingegnere del suono

Carry On – 4:25 (Stephen Stills)
Teach Your Children – 2:53 (Graham Nash)
Almost Cut My Hair – 4:25 (David Crosby)
Helpless – 3:30 (Neil Young)
Woodstock – 3:52 (Joni Mitchell)

Lato B
Déjà vu – 4:10 (David Crosby)
Our House – 2:59 (Graham Nash)
4 + 20 – 1:55 (Stephen Stills)
Country Girl – 5:05 (Neil Young)
a) Whiskey Boot Hill
b) Down, Down, Down
c) Country Girl (I Think You're Pretty)
Everybody I Love You – 2:20 (Neil Young, Stephen Stills)


"Crosby Stills e Nash,aggiungono Young e diventano tremendamente elettrici con gli assoli liberi e distorti.Woodstock ,Joni Mitchell e Marilyn Monroe vengono incendiati da 4 scatenati che finalmente hanno capito tutto e trovato le loro vie.E intanto l'America lotta e i Presidenti depongono le loro nefandezze." D.J.

-------------------------------------------------


RORY GALLAGHER
Irish Tour '74 

Rory Gallagher - Chitarra, voce, armonica a bocca, sassofono, mandolino
Gerry McAvoy - Basso
Lou Martin - Tastiera, fisarmonica
Rod de'Ath - Batteria, percussioni

Cradle Rock - 7:38
I Wonder Who - 7:52
Tattoo'd Lady - 5:04
Too Much Alcohol - 8:03
As The Crow Flies - 6:02
A Million Miles Away - 9:29
Walk On Hot Coals - 11:13
Who's That Coming? - 10:05
Back On My Stompin' Ground (After Hours) - 5:18
Maritime - 0:33


"Rory ha vissuto nell'Hulster,il pezzo di terra dove scoppiano piu' bombe al mondo, per colpa di una odiosa guerra tra cattolici e protestanti.Lui pero' lo lasciano suonare,in chiese sconsacrate,vecchi club,arene fredde ,ma festanti.Da questo tour un film e un doppio album che entrano direttamente nella leggenda." D.J.

------------------------------------------------------------


GENTLE GIANT
In a Glass House 1973

Gary Green - chitarra, percussioni
Kerry Minnear - tastiere, vibrafono, percussioni, violoncello, moog, voce, cori
Derek Shulman - voce, sassofono alto
Ray Shulman - basso, violino, chitarra, percussioni, voce
John Weathers - batteria, percussioni, xilofono

The Runaway – 7:16
An Inmates Lullaby – 4:40
Way Of Life – 8:04
Experience – 7:50
A Reunion – 2:12
In A Glass House – 8:09


"Questi polistrumentisti spuntati anni fa dal nulla e reduci da ottimi dischi e tour trionfanti,raggiungono il massimo della fama e del successo europeo con questo eccitante album.In America il successo arriverà dopo poco tempo,ma dovranno cambiare il loro sound purtroppo." D.J.

--------------------------------------------------


EMERSON LAKE & PALMER
Trilogy 1972

Keith Emerson - tastiere
Greg Lake - basso, chitarra, voce
Carl Palmer - batteria

The Endless Enigma (part one) (Emerson/Lake) - 6:37
Fugue (Emerson) - 1:57
The Endless Enigma (part two) (Emerson/Lake) - 2:00
From the Beginning (Lake) - 4:14
The Sheriff (Emerson/Lake) - 3:22
Hoedown (Copland/Arr. Emerson/Lake/Palmer) - 3:48

Trilogy (Emerson/Lake) - 8:54
Living Sin (Emerson/Lake/Palmer) - 3:11
Abaddon's Bolero (Emerson) - 8:13

https://www.youtube.com/watch?v=ZJacr--NwFM

"La partenza di Emerson da Wight,con una costola dei King Crimson e una degli Atomic Rooster,dopo tante fatiche e dischi belli,ma pretenziosi,porta a questo capolavoro.Semplicità ed intrecci magici porta il disco a vette sfiorate solo dai Pink Floyd e con altissima qualità ,non solo strumentale." D.J.

-------------------------------------------------------


BLUE OYSTER CULT
On Your Feet or on Your Knees 1975

Eric Bloom - voce e chitarra
Donald "Buck Dharma" Roeser - chitarra e coro
Allen Lanier - tastiera e chitarra
Joe Bouchard - basso e seconda voce
Albert Bouchard - batteria e coro
Gerard Huerta - disegnatore della copertina dell'album

The Subhuman (Bloom, Pearlman)
Harvester of Eyes (Bloom, Meltzer, Roeser)
Hot Rails to Hell (A. Bouchard, J. Bouchard)
The Red and the Black (Bloom, Meltzer, Pearlman, Roeser)
Seven Screaming Diz-Busters (A. Bouchard, J. Bouchard, Pearlman, Roeser)
Buck's Boogie (A. Bouchard, Roeser)
Last Days Of May (Roeser)
Cities on Flame With Rock & Roll (Meltzer, Roeser)
ME 262 (Bloom, Pearlman, Roeser)
Before the Kiss, a Redcap (Krugman, Lanier, Pearlman, Roeser)
Maserati GT (I Ain't Got You) (Carter)
Born to Be Wild (Bonfire)

https://www.youtube.com/watch?v=PJ_gNlJ4UMc

"La band nata da equivoci tra punk,fidanzati di Patti Smith,metal e altro,pian piano assume il suo volto intelligemente duro e con il suo logo misterioso e unico.In questo doppio live c'è il meglio dei loro concerti,tra boogie,maserati e cover alla dinamite di Steppenwolf e Yardbirds." D.J.

-------------------------------------------------------


FRANK ZAPPA & MOTHERS OF INVENTION
Roxy & Elsewhere 1974

Frank Zappa - chitarra, voce
George Duke - tastiere, sintetizzatore, voce
Tom Fowler - basso
Ruth Underwood - percussioni
Jeff Simmons - chitarra, voce
Don Preston - sintetizzatore
Bruce Fowler - trombone
Walt Fowler - tromba
Napoleon Murphy Brock - sax tenore, flauto, voce
Ralph Humphrey - batteria
Chester Thompson - batteria

Penguin in Bondage - 6:48
Pygmy Twylyte - 2:13
Dummy Up - 6:02
Village of the Sun - 4:17
Echidna's Arf (Of You) - 3:52
Don't You Ever Wash That Thing? - 9:40
Cheepnis - 6:33
Son of Orange County - 5:53
More Trouble Every Day - 6:00
Be-Bop Tango (Of the Old Jazzmen's Church) - 16:41

https://www.youtube.com/watch?v=5J_m5Gum1rg

"Il genio di Partinico e le sue madri,devastano il Roxy di Hollywood,raccontando di mostri, conditi da spogliarelli del pubblico,mentre tenta di ballare Be Bop Tango.E' una delle ultime volte che possiamo ascoltare gli assoli di chitarra a livelli cosmici.Il tutto davanti a George Duke e soci e Ruth Underwood in bikini con il piu' bel culo della California." D.J.

------------------------------------------------


FAUST
4 - 1973

Werner "Zappi" Diermaier – drums
Hans Joachim Irmler – organ
Jean-Hervé Péron – bass
Rudolf Sosna – guitar, keyboards
Gunter Wüsthoff – synthesiser, sax

Side one
No. Title Length
1. "Krautrock" 11:47
2. "The Sad Skinhead" 2:43
3. "Jennifer"

Side two
No. Title Length
1. "Just a Second / Picnic on a Frozen River, Deuxieme Tableau" 3:35
2. "Giggy Smile" 7:45
3. "Läuft...Heißt Das Es Läuft Oder Es Kommt Bald…Läuft ("Psalter" section)" 4:28
4. "Läuft...Heißt Das Es Läuft Oder Es Kommt Bald…Läuft" 3:40
5. "It's a Bit of a Pain"


"Dopo 3 disci,belli ma pesanti,finalmente i Faust sfornano un album dove anche noi capiamo qualcosa.A tratti anche semplice,ma con melodìe involontarie molto accattivanti.Intendiamoci,stiamo ancora tra Magritte e Oppenheimer,ma l'album sprizza di troppa materia cerebrale per non ascoltarlo ed amarlo copiosamente." D.J.

----------------------------------------------------------------------



Stephen Stills MANASSAS
1972

Stephen Stills - vocals, guitar, bottleneck guitar, piano, organ, electric piano, clavinet, synthesizer
Chris Hillman - vocals, guitar, mandolin
Al Perkins - pedal steel guitar, guitar, vocals
Paul Harris - organ, tack piano, piano, electric piano, clavinet
Dallas Taylor - drums
Joe Lala - congas, timbales/percussion, vocals

The Raven[edit]
"Song of Love" – 3:28
Medley – 3:34
"Rock & Roll Crazies" (Stephen Stills, Dallas Taylor)
"Cuban Bluegrass" (Stephen Stills, Joe Lala)
"Jet Set (Sigh)" – 4:25
"Anyway" – 3:21
"Both of Us (Bound to Lose)" (Stephen Stills, Chris Hillman) – 3:00
Total Length: 17:48

The Wilderness[edit]
"Fallen Eagle" – 2:03
"Jesus Gave Love Away for Free" – 2:59
"Colorado" – 2:50
"So Begins the Task" – 3:57
"Hide It So Deep" – 2:44
"Don't Look at My Shadow" – 2:30
Total Length: 17:03

Consider[edit]
"It Doesn't Matter" (Chris Hillman, Rick Roberts, Stephen Stills) – 2:30
Note: Original releases of Manassas do not credit Roberts as a co-author.
"Johnny's Garden" – 2:45
"Bound to Fall" (Mike Brewer, Tom Mastin) – 1:53
Note: Original releases of Manassas do not credit Mastin as a co-author.
"How Far" – 2:49
"Move Around" – 4:15
"The Love Gangster" (Stephen Stills, Bill Wyman) – 2:51
Total Length: 16:53

Rock & Roll Is Here to Stay[edit]
"What to Do" – 4:44
"Right Now" – 2:58
"The Treasure (Take One)" – 8:03
"Blues Man" – 4:04
In tribute: Jimi Hendrix, Al Wilson, Duane Allman.
Total Length: 19:49


"Quattro facciate,con quattro generi diversi.Un supergruppo formato da Stephen Stills,con pezzi di CSN&Young,Byrds,Flying Burrito Brothers,John Sebastian,Rolling Stones,James Gang,Derek & The Dominos,ecc. il tutto amalgamato alla perfezione, con la gioia che traspare dai solchi del doppio vinile.Opera estremamente bella per l'unico supergruppo che funziono' nella storia del rock." D.J.

-----------------------------------------------


INCREDIBLE STRING BAND
Earthspan - 1972

Malcolm LeMaistre - voce solista, chitarra acustica
Robin Williamson - violino, violoncello, accompagnamento vocale
Stuart Gordon - viola, violino, voce
Mike Heron - basso, pianoforte, accompagnamento vocale
Dave Mattacks - batteria
Likky (Licorice McKechnie) - accompagnamento vocale

Lato A
My Father Was a Lighthouse Keeper – 4:21 (Malcolm Le Maistre)
Antoine – 3:53 (Mike Heron)
Restless Night – 3:30 (Robin Williamson)
Sunday Song – 8:28 (Mike Heron, Licorice McKechnie)

Lato B
Black Jack David – 2:38 (Mike Heron)
Banks of Sweet Italy – 3:01 (Robin Williamson)
The Actor – 3:49 (Malcolm Le Maistre (testi), Robin Williamson (musica))
Moon Hang Low – 3:22 (Robin Williamson)
Sailor and the Dancer – 2:34 (Malcolm Le Maistre)
Seagull – 6:02 (Mike Heron)


"Agli inizi degli anni '70,la band abbandona la psichedelìa,per creare una serie di album,dove il folk si mescola totalmente con la poesia dotta e venature rock inventive.Earthspan è la punta di diamante di questo periodo.Pochi ma buoni e Licorice nei panni dell'indimenticabile streghetta dei boschi." D.J.

------------------------------------------------


CURVED AIR
Second Album 1971

Sonja Kristina – lead vocals
Darryl Way – violin, backing vocals, piano
Francis Monkman – guitars, keyboards, VCS3 synthesizer
Ian Eyre – bass guitar
Florian Pilkington-Miksa – drums

Side One
"Young Mother" (Darryl Way, Sonja Kristina Linwood) – 5:55
"Back Street Luv" (Way, Linwood, Ian Eyre) – 3:38
"Jumbo" (Way, Linwood) – 4:11
"You Know" (Way, Linwood) – 4:11
"Puppets" (Way, Linwood) – 5:26

Side Two
"Everdance" (Francis Monkman) – 3:08
"Bright Summer's Day '68" (Monkman) – 2:54
"Piece of Mind" (Monkman)  – 12:52


"L'alchimìa tra leggende,mistero,clima fiabesco ed epico,dopo gli anni '60,ando' a formare la parte piu' interessante del nascente Progressive.Se poi la front-line di una band era Sonja Kristina,una delle massime bellezze salite sui palchi del rock,il gioco era fatto.La seconda prova discografica è la piu' convincente,anche se altri album si contendono questo primato." D.J.

------------------------------------------


JONI MITCHELL
Court and Spark - 1974

Joni Mitchell – vocals, including background; acoustic guitar; piano; clavinet on "Down to You", cover painting
John Guerin – drums, percussion
Wilton Felder – bass on "People's Parties" and "Free Man in Paris"
Max Bennett – bass (on all tracks except "Free Man in Paris", "People's Parties" and "Trouble Child")
Jim Hughart – bass on "Trouble Child"
Milt Holland – chimes on "Court and Spark"
Tom Scott – woodwinds, reeds
Chuck Findley – trumpet on "Twisted" and "Trouble Child"
Joe Sample – electric piano, clavinet on "Raised on Robbery"
David Crosby – background vocals on "Free Man in Paris" and "Down to You"
Graham Nash – background vocals on "Free Man in Paris"
Susan Webb – background vocals on "Down to You"
Larry Carlton – electric guitar (on all tracks except "Car on a Hill", "Raised on Robbery" and "Trouble Child")
Wayne Perkins – electric guitar on "Car on a Hill"
Dennis Budimir – electric guitar on "Trouble Child"
Robbie Robertson – electric guitar on "Raised on Robbery"
José Feliciano – electric guitar on "Free Man in Paris"
Cheech Marin – background voice on "Twisted"
Tommy Chong – background voice on "Twisted"

Lato A
Court and Spark – 2:46
Help Me – 3:22
Free Man in Paris – 3:02
People's Parties – 2:20
Same Situation – 3:05
Durata totale: 14:35

Lato B
Car on a Hill – 2:58
Down to You – 5:36
Just Like This Train – 4:23
Raised on Robbery – 3:05
Trouble Child – 3:57
Twisted – 2:18 (Annie Ross, Wardell Gray)
Durata totale: 22:17


"Se nell'album precedente,vedevamo Joni Mitchell ancora immersa in mezzo alla natura,con Court And  Spark la troviamo a prendere aerei,raccontarci di Parigi e vestire con classe,abbandonando l'autostop e ricordi bucolici anni '60.Con questo album incontra il jazz che non abbandonerà piu'." D.J.

------------------------------------------------------


ELTON JOHN
Tumbleweed Connection - 1970

Elton John: voce, piano e organo
Roger Pope: batteria e percussioni
Nigel Olsson: batteria e cori
Barry Morgan: batteria
Dave Glover: basso
Dee Murray: basso e cori
Herbie Flowers: basso
Chris Lawrence: basso acustico
Mike Egan: chitarra acustica
Lesley Duncan: chitarra acustica e cori
Les Tatcher: chitarra
Caleb Quaye: chitarra
Gordon Huntley: chitarra steel
Skaila Kanga: arpa
Karl Jenkins: oboe
Johnny Van Derek: violino
Dusty Springfield, Madeleine Bell, Kay Garner, Tony Burrows, Tony Hazzard, Sue & Sunny: cori

Ballad of a Well-Known Gun
Come Down in Time
Country Comfort
Son of Your Father
My Father's Gun
Where to Now St. Peter?
Love Song (scritta da Lesley Duncan)
Amoreena
Talking Old Soldiers
Burn Down the Mission
Into the Old Man's Shoes (inclusa nella versione rimasterizzata del 1995)
Madman Across the Water (original version) (inclusa nella versione rimasterizzata del 1995)

https://www.youtube.com/watch?v=D0qwizLr7PY&list=PL483B479C6399041F

--------------------------------------------------

"Dopo l'imprevedibile successo a Los Angeles,lo sconosciuto Elton John,diventa un nome sulla bocca di tutti.Bernie Taupin per di piu' ama west e cowboy,quindi nasce Tumbleweed Connection ,utilizzato anche da Sidney Lumet per Un Pomeriggio di Un Giorno Da Cani.La qualità del disco,dell'unione tra testi e musica,dell'altissimo appeal è unica.Anche il Fillmore West inizia ad essere stretto per Elton." D.J.

------------------------------------------------------------


STEVIE WONDER
Talking Book - 1972

Side one
"You Are the Sunshine of My Life" (Wonder) – 2:58
Stevie Wonder – lead vocal, background vocal, Fender Rhodes, drums
Jim Gilstrap – first lead vocal, background vocal
Lani Groves – second lead vocal, background vocal
Gloria Barley – background vocal
Scott Edwards – electric bass
Daniel Ben Zebulon – congas
"Maybe Your Baby" (Wonder) – 6:51
Stevie Wonder – lead vocal, background vocal, Hohner clavinet, drums, Moog bass
Ray Parker Jr. – electric guitar
"You and I (We Can Conquer the World)" (Wonder) – 4:39
Stevie Wonder – lead vocal, piano, T.O.N.T.O. synthesizer, Moog bass
"Tuesday Heartbreak" (Wonder) – 3:02
Stevie Wonder – lead vocal, background vocal, Fender Rhodes, Hohner clavinet, drums, Moog bass
David Sanborn – alto saxophone
Deniece Williams – background vocal
Shirley Brewer – background vocal
"You've Got It Bad Girl" (Yvonne Wright) – 4:56
Stevie Wonder – lead vocal, background vocal, Fender Rhodes, drums, Moog bass, T.O.N.T.O. synthesizer
Jim Gilstrap – background vocal
Lani Groves – background vocal
Daniel Ben Zebulon – congas

Side two
"Superstition" (Wonder) – 4:26
Stevie Wonder – lead vocal, Hohner clavinet, drums, Moog bass
Trevor Lawrence – tenor saxophone
Steve Madaio – trumpet
"Big Brother" (Wonder) – 3:34
Stevie Wonder – lead vocals, Hohner clavinet, drums, harmonica, Moog bass
"Blame It on the Sun" (Wonder, Syreeta Wright) – 3:26
Stevie Wonder – lead vocal, background vocal, piano, harpsichord, drums, Moog bass, T.O.N.T.O. synthesizer
Jim Gilstrap – background vocal
Lani Groves – background vocal
"Lookin' for Another Pure Love" (Wonder, S. Wright) – 4:44
Stevie Wonder – lead vocal, background vocal, Fender Rhodes, drums, Moog bass
Debra Wilson – background vocal
Shirley Brewer – background vocal
Loris Harvin (Delores Harvin) – background vocal
Jeff Beck – electric guitar
Buzz Feiten (Howard "Buzz" Feiten) – electric guitar
"I Believe (When I Fall in Love It Will Be Forever)" (Wonder, Y. Wright) – 4:51
Stevie Wonder – lead vocal, background vocal, piano, Hohner clavinet, drums, Moog bass

https://www.youtube.com/watch?v=nGx8jFfgBXg

"Tutto succede in un attimo.Wonder vuole andare in Inghilterra e mollare la Tamla,il produttore a Londra è pronto e scarica l'artista con cui stava contrattando.Ma Wonder cambia idea,resta in America. Lui diventa Stevie Wonder e il produttore, tornando sui suoi passi, fà nascere David Bowie.A breve questo stupendo disco....You Are the Sunshine of My Life,Superstition,Maybe Your Baby...e Jeff Beck che suona con tutti e due!." D.J.

-----------------------------------------------


The TEMPTATIONS
All Directions - 1972

Dennis Edwards: vocals
Damon Harris: vocals
Richard Street: vocals
Melvin Franklin: vocals
Otis Williams: vocals
The Andantes: Additional background vocals on "Love Woke Me Up This Morning"
Norman Whitfield: producer
The Funk Brothers: instrumentation

Lato A[modifica | modifica wikitesto]
Funky Music Sho Nuff Turns Me On
Run Charlie Run
Papa Was a  Rollin' Stone
Lato B[modifica | modifica wikitesto]
Love Woke Me Up This Morning
I Ain't Got Nothin'
The First Time Ever (I Saw Your Face)
Mother Nature
Do Your Thing

https://www.youtube.com/watch?v=8-Ysa1ZLZTY

"Papa Was a  Rollin' Stone....dico solo questo.....Papa Was a  Rollin' Stone...12 minuti di follia psichedelica gospel soul,in un tappeto  di brani black ottimi,tanto da far diventare questo disco La Bibbia di un bellissimo periodo, che precederà la mediocre Disco Music.Due pianeti completamente diversi." D.J.

-----------------------------------------------

sabato 19 agosto 2017

I DISCHI DELLA NOSTRA VITA : 4 / DANILO JANS's FAVORITIES - PRIMA PARTE


Questo simpatico elenco,vada visto come un mio pensiero divulgativo,verso  album che hanno accompagnato la mia esistenza.Dischi che consiglio a chi non li conosce,da studiare attentamente,come ho fatto io per decenni ,come antiche pergamene..Scoprirete innesti importanti e,forse,mancanze impreviste.
Spero troverete nei link contrassegnati,la musica e le voci di quell'arte che non si estinguerà mai.
Nonostante lo vogliano.

Danilo Jans
(Critico non allineato)

foto DANILO JANS
DANILO JANS Art
MONDO POPOLARE 2
ROCK RARE COLLECTION FETISH
MUSIC ITALY 70

(Da "CLASSIC ROCK)

-----------------------------------------------------------------
IN ORDINE SPARSO
----------------------------------------------------------------


CANNED HEAT
Live at Topanga Corral - 1971

Bob Hite – voce
Alan Wilson – chitarra slide, voce, armonica a bocca
Henry Vestine – chitarra solista
Larry Taylor – basso
Fito de la Parra – batteria

Bullfrog Blues 7:21
Sweet Sixteen 10:57
I'd Rather Be The Devil 5:10
Dust My Broom 5:46
Wish You Would 8:03
When Things Go Wrong 9:08


"Bella serata californiana degli embrionali Canned Heat,in formazione completa.Il blues diventa hard. " D.J.

---------------------------------------------


JOHN MAYALL
The Turning Point - 1969

John Almond – flute, saxophone, alto saxophone, tenor saxophone, mouth percussion
Jon Mark – acoustic guitar
John Mayall – guitar, harmonica, keyboards, tambourine, vocals, slide guitar, mouth percussion
Steve Thompson – bass guitar

Side one
"The Laws Must Change" – 0:00
"Saw Mill Gulch Road" – 7:22
"I'm Gonna Fight For You J.B." – 12:11
"So Hard To Share" – 17:32

Side two

"California" (Mayall, Steve Thompson) – 24:33
"Thoughts About Roxanne" (Mayall, Thompson) – 34:04
 "Room To Move" – 42:05


"Il piu' grande successo di John Mayall emerge dalle assi del Fillmore East nel 1969.Album basilare è dir poco,con il duo Mark/Almond a creare magiche soluzioni acustiche ,ma pressanti." D.J.

-----------------------------------


TODD RUNDGREN'S UTOPIA
Todd Rundgren's Utopia 1974 

Kevin Ellman / drums, percussion
Moogy Klingman / keyboards
M. Frog Labat / synthesizers
Todd Rundgren / vocals, electric guitar
Ralph Schuckett / keyboards
John Siegler / bass, cello

1. Utopia theme 
2. Freak parade 
3. Freedom fighters 
4. The Ikon


"Uno dei miei tre migliori dischi in assoluto.Un intreccio di idee fantastiche ,con tre tastiere che suonano come chitarre metal.Capolavoro assoluto non solo di Todd Rundgren,ma della musica moderna tutta.LP già pieno all'uscita su vinile,tanto da durare piu' di 50 minuti.All'epoca un record." D.J.

--------------------------------------------


MARVIN GAYE
Live! - 1974

1.Introduction
2.Overture
3.Trouble Man
4.Flyin High (In The Friendly Sky) - Mercy Mercy Me (The Ecology)
5.Inner City Blues (Make Me Wanna Holler)
6.Distant Lover
7.Jan
8.Keep Getting It On
9.Fossil Medley
10.Thanks To The Orchestra
11.Let's Get It On
12.What's Going On

https://www.youtube.com/watch?v=ijvYvI2mdXY

"Prima di affrontare a muso duro la sorgente disco music e poi la morte ,Gaye reinterpreta con sprint i suoi massimi successi, davanti al caloroso pobblico californiano di Oakland." D.J.

------------------------------------


LARRY CORYELL & THE 1ELEVENTH HOUSE
At Montreux - 1974

Larry Coryell (g)
Michael Lawrence (tp)
Mike Mandel (key)
Danny Trifan (b)
Alphonse Mouzon (dr)

1 Announcement 00:00
2 Improvisation On Villa Lobos - Prelude No. 4 In E Minor 00:31
3 Tamari (Alphonse Mouzon) 03:49
4 Joyride (Michael Mandel) 08:34
5 Raputin ((Michael Mandel) 18:17
6 Song For A New York Rainmaker (Danny Trifan) 22:40
7 The Eleventh House Blues 27:23

https://www.youtube.com/watch?v=g7m0QHI6GMw&t=10s

"Non turbi l'orrenda immagine-cartolina della copertina.il disco è solido e meravigliosamente moderno.Larry Coryell aveva una delle poche band capace di contrastare il predominio di allora della Mahavishnu Orchestra,con pero' Michel Lawrence alla tromba al posto del violino elettrico di Jerry Goodman." D.J.

----------------------------------------------


JETHRO TULL
Thick as a Brick - 1972

Ian Anderson: voce, flauto, chitarra acustica, violino, tromba, sassofono
Martin Barre: chitarra elettrica, liuto
Jeffrey Hammond: basso
Barriemore Barlow: batteria, percussioni, timpani
John Evan: tastiere, organo, clavicembalo
David Palmer: arrangiamento e direzione orchestrale

Thick as a Brick Part 1 – 22:45
"Really Don't Mind / See There a Son Is Born"
"The Poet and the Painter"
"What Do You Do When the Old Man's Gone? / From The Upper Class"
"You Curl Your Toes In Fun / Childhood Heroes"
Thick as a Brick Part 2 – 21:05
"See There a Man Is Born / Clear White Circles"
"Believe In the Day"
"Tales of Your Life"
"Childhood Heroes Reprise / Thick as a Brick

http://www.dailymotion.com/video/x4kl0fn

"Per uno che ha vissuto in diretta il successo mondiale di questo album.non ci sono parole.Artisticamente la perfezione stesa su un unico lungo brano diviso in mille avventure,ancora adesso memorabili.La vera immagine dei Jethro Tull.Impossibile ripetere l'impresa." D.J.

-----------------------------------------


HENRY COW
Legend - 1973

    Geoff Leigh -- saxophones, flute, clarinet, recorder, voice
    Tim Hodgkinson -- organ, piano, alto saxophone, clarinet, little bells, voice
    Fred Frith -- guitars, violin, viola, piano, voice
    John Greaves -- bass guitar, piano, whistle, voice
    Chris Cutler -- drums, toys, piano, whistle, voice
    Lindsay Cooper -- bassoon (on 1991 CD re-issue only)

Side one
 "Nirvana for Mice" (Frith) --00:00
    "Amygdala" (Hodgkinson) -- 04:56
    "Teenbeat (Introduction)" (Henry Cow) --11:54
    "Teenbeat" (Frith, Greaves) --16:27

Side two
   "Extract from 'With the Yellow Half-Moon and Blue Star' " (Frith) --23:14
    "Teenbeat (Reprise)" (Frith) -- 26:52
    "The Tenth Chaffinch" (Henry Cow) --31:57
    "Nine Funerals of the Citizen King" (Hodgkinson) -- 38:01

https://www.youtube.com/watch?v=ZBHBF4di8Sk

"Un altro dei miei preferiti.Superando il Progressive e il Jazz,sfiorando Zappa,e fecondando il periodo proficuo per la musica intelligente,i geni anarchici col calzino perenne degli Henry Cow,incidono questa meraviglia.Che altro dire?." D.J.

....................................................


MAHAVISHNU ORCHESTRA
Birds of Fire - 1973

John McLaughlin - chitarra
Jan Hammer - tastiere, moog
Jerry Goodman - violino
Rick Laird - basso
Billy Cobham - percussioni

Lato A
Birds of Fire – 5:44
Miles Beyond (Miles Davis) – 4:41
Celestial Terrestrial Commuters – 2:55
Sapphire Bullets of Pure Love – 0:21
Thousand Island Park – 3:21
Hope – 1:57

Lato B
One Word – 9:56
Sanctuary – 5:06
Open Country Joy – 3:54
Resolution – 2:09


"Punto inumano dell'intelligenza musicale dei primi anni 70.Cinque eroi capitanati dall'ego di John McLaughli,appena uscito dalla eiaculazione Davisiana,che poi li ucciderà troppo presto,modificandosi in sottoprodotti interessanti,ma niente di piu'.Ancora oggi questo album è il parametro di chi sogna." D.J.

----------------------------------------------------


The DOORS
L.A. Woman - 1971

Jim Morrison - voce
Robby Krieger - chitarra
Ray Manzarek - organo Hammond, pianoforte, Fender Rhodes
John Densmore - batteria
Altri musicisti
Marc Benno - chitarra ritmica (tracce 3, 4, 5, 8)
Jerry Scheff - basso

Lato A
The Changeling – 4:20
Love Her Madly – 3:18
Been Down So Long – 4:40
Cars Hiss by My Window – 4:10
L.A. Woman – 7:49

Lato B
L'America – 4:35
Hyacinth House – 3:10
Crawling King Snake – 4:57 (arr. John Lee Hooker)
The WASP (Texas Radio and The Big Beat) – 4:12
Riders on the Storm – 7:14

https://www.youtube.com/watch?v=3RRHMnhiOx0

"Il primo album li ha fatti e l'ultimo li ha accoppati.Non solo Jim Morrison.Ma aqlmeno hanno finito davvero in gloria,tornando al blues e inventandosi viaggi e pioggerelline in mezzo ai magici solchi,base per qualsiasi hippy del periodo,verso un futuro disperato." D.J.

......................................................


JERRY LEE LEWIS
Live at the Star Club  Hamburg - 1964

   "Mean Woman Blues" (Claude Demetrius)
    "High School Confidential" (Hargrave, Lewis)
    "Money (That's What I Want)" (Janie Bradford, Berry Gordy)
    "Matchbox" (Carl Perkins)
    "What'd I Say, Part 1" (Ray Charles)
    "What'd I Say, Part 2"
    "Great Balls of Fire" (Otis Blackwell, Jack Hammer)
    "Good Golly, Miss Molly" (Bumps Blackwell, John Marascalco)
    "Lewis' Boogie" (Lewis)
    "Your Cheatin' Heart" (Hank Williams)
    "Hound Dog" (Jerry Leiber and Mike Stoller)
    "Long Tall Sally" (Enotris Johnson, Little Richard)
    "Whole Lotta Shakin' Goin' On" (Sunny David, Dave Williams)

https://www.youtube.com/watch?v=Oxh9XIiVUAE

"Se uno nel '64 avesse detto che questo album,nel 2000,sarebbe ancora stato uno dei migliori ed eccitanti live mai stampati,forse l'avrebbero preso per matto.Eppure quel matto aveva ragione e ogni volta che sentiamo questo concerto-uragano ce ne rendiamo conto.Dovrebbero inventare un nobel per Jerry Lee Lewis e questo concerto incredibile." D.J.

-----------------------------------------------


SPIRIT
Live - 1978

Bass, Vocals – Larry Knight
Drums – Ed Cassidy
Guitar, Lead Vocals – Randy California

A1 Looking Down
A2 Animal Zoo
A3 1984
A4 Nature's Way
A5 Hollywood Dream

B1 It's All The Same
B2 I Got A Line On You
B3 Downer
B4 Wild Thing

https://www.youtube.com/watch?v=hOGYsBTDmuU&t=69s

"Dalla metà degli anni '70 agli '80,gli Spirit toccarono i piu' alti livelli live del loro psichico rock.Finalmente il Tour Europeo e questo disco ridanno piena giustizia a Randy California e soci,relegati da troppo tempo dai media, in ragnatele misteriose e jellate.Sembra un live da un altra dimensione". D.J.

-------------------------------------------------------------


CARLOS SANTANA & BUDDY MILES
Live! - 1972

Carlos Santana - chitarra, voce
Buddy Miles - batteria, percussioni, voce
Neal Schon - chitarra
Ron Johnson - basso
Bob Hogins - organo, tastiere
Hadley Caliman - flauto, sassofono
Luis Gasca - tromba
Greg Errico - batteria
Richard Clark - batteria, percussioni, congas
Coke Escovedo - batteria, percussioni, timbales
Mike Carabello - congas
Mingo Lewis - percussioni
Victor Pantoja - percussioni, congas

Marbles (McLaughlin) - 4:18
Lava (Miles) - 2:10
Evil Ways (Henry) - 6:36
Faith Interlude (Miles, Santana) - 2:13
Changes (Them) (Miles) - 5:50
Free Form Funkafide Filth (Errico, Johnson, Miles) - 24:54


"Pur ritoccato in studio per motivi tecnici,questa enorme jam session live alle Hawaii nel capodanno '71-'72,mantiene una eccitazione musicale che solo quel periodo storico riusciva a creare.Le chitarre distorte e zeppe di wha-wha di Santana e Schon sono la punta di diamante che si eleva su questo paradiso mistico ,creato dall'inconsueto entourage sul palco.La suite della seconda facciata è ancora oggi inarrivabile!." D.J.

---------------------------------------------


ROVY MUSIC
For Your Pleasure - 1973

- Bryan Ferry - vocals, keyboards
- Brian Eno - synthesizer, tapes
- Andrew Mackay - oboe, saxophone
- Phil Manzanera - guitar
- Paul Thompson - drums
- John Porter - bass

Do the Strand (Bryan Ferry) - 4:03
Beauty Queen (Bryan Ferry) - 4:41
Strictly Confidential (Bryan Ferry) - 3:48
Editions of You (Bryan Ferry) - 3:51
In Every Dream Home a Heartache (Bryan Ferry) - 5:29
The Bogus Man (Bryan Ferry) - 9:20
Grey Lagoons (Bryan Ferry) - 4:13
For Your Pleasure (Bryan Ferry) - 6:51


"La presenza di Eno nei Roxy Music,non poteva avere il miglior finale.Mentre sfila ancora sul palco travestito come una escort panterata,con i suoi colleghi costruisce un album eccezionale e sorprendente, in mezzo alla rivoluzione Glam,dalla copertina all'ultima nota.Il tutto non si ripeterà piu' sotto la presidenza Ferry,tramutando il gruppo in un triste accompagnamento ad un crooner con perenni problemi di liquido." D.J.

--------------------------------------------


LOU REED
Lou Reed - Rock n Roll Animal - 1974

Lou Reed – voce
Pentti Glan – batteria
Steve Hunter – chitarra
Prakash John – basso
Dick Wagner – chitarra
Ray Colcord - tastiere

Lato A
Intro/Sweet Jane - (Steve Hunter, Lou Reed) – 7:55
Heroin - (Lou Reed) – 13:11

Lato B
White Light/White Heat - (Lou Reed) – 5:15
Lady Day - (Lou Reed) – 4:00
Rock 'n' Roll - (Lou Reed) – 10:17

https://www.youtube.com/watch?v=sJYu9Rl_23Y&t=123s

"Con il precedente album di Jerry Lee Lewis e Made In Japan,l'album  di Lou Reed è tra i miei  live preferiti .Si potrebbe parlare per giorni di questo concerto alla Academy Of Music di New York,svoltosi l'anno prima dell'uscita.Con i bonus e il successivo Lou Reed Live,si otterrà l'intero concerto,ormai leggendario.Come leggendari saranno nel tempo i due chitarristi killer Dick Wagner & Steve Hunter.Mostruoso!" D.J.

-------------------------------------


DEEP PURPLE
Made in Japan - 1972

Ritchie Blackmore - chitarra elettrica
Ian Gillan - voce
Roger Glover - basso elettrico
Jon Lord - organo, tastiere
Ian Paice - batteria

Lato A
Highway Star - 6:42
Child in Time - 12:18
Lato B
Smoke on the Water - 7:37
The Mule (drum solo) - 9:28
Lato C
Strange Kind of Woman - 9:52
Lazy - 10:27
Lato D
Space Truckin' - 19:53

https://www.youtube.com/watch?v=39vhEHUOBRU&t=4000s

"Nessuno della band e dell'entourage voleva ascoltare quei nastri,registrati nell'ultimo tour in Giappone,nonostante le pressioni dei tecnici.Quando finalmente si sedettero,li ascoltarono e diedero il veloce assenso alla pubblicazione del doppio disco,il mondo cambio' definitivamente." D.H.

-------------------------------------------------------------------


QUICKSILVER MESSENGER SERVICE
Happy Trails - 1969

John Cipollina - chitarra
Gary Duncan - chitarra, voce solista
David Freiberg - basso, voce
Greg Elmore - batteria, voce

Lato A
Who Do You Love (Part 1) – 3:32 (Ellas McDaniel)
When Do You Love – 5:30 (Gary Duncan)
Where Do You Love – 6:00 (Greg Elmore)
How Do You Love – 2:40 (John Cipollina)
Which Do You Love – 3:26 (David Freiberg)
Who Do You Love (Part 2) – 3:21 (Ellas McDaniel)
Durata totale: 24:29

Lato B
Mona – 6:53 (Ellas McDaniel)
Maiden of the Cancer Moon – 3:07 (Gary Duncan)
Calvary – 13:25 (Gary Duncan)
Happy Trails – 0:47 (Dale Evans)
Durata totale: 24:12

https://www.youtube.com/watch?v=Wi0e7brHdMQ

"Cipollina era il piu' grande chitarrista di Frisco,Duncan non era certo da meno e Freiberg era lontano dalla dorata pensione con i Jefferson.Il Fillmore era lì per questi album....perchè farlo aspettare?.Si reinventa Bo Diddley e il gioco è fatto.E che gioco!?." D.J.

------------------------------------------------


YES
Yessongs - 1973

Jon Anderson - lead vocals
Chris Squire - bass guitar, backup vocals
Steve Howe - electric and acoustic guitars, backup vocals
Rick Wakeman - keyboards, synthesiser, organ
Bill Bruford - drums on "Perpetual Change"
Alan White - drums

1. "Opening (Excerpt from Firebird Suite)"
2. "Siberian Khatru"
3. "Heart of the Sunrise"
4. "Perpetual Change"
5. "And You and I"
6. "Mood for a Day"
7. "Excerpts from The Six Wives of Henry VIII"
8. "Roundabout"

https://www.youtube.com/watch?v=La_fgpEnE6g

"Tutto usci' in modo mastodontico.Una enorme confezione con tre dischi,le tavole di Roger Dean,il libretto allegato...e poi metti la puntina sul vinile e parte un viaggio ancora adesso in corso.Nessuno della band riusci' mai,nemmeno a riavvicinarsi a quella sapienza musicale che accompagno' tutti, in quel tour californiano del '72.Ed Eddie Offord era lì...." D.J.

---------------------------------------------


JEFFERSON AIRPLANE
Bless Its Pointed Little Head - 1969

Marty Balin – voce; basso in Fat Angel
Jack Casady – basso; chitarra ritmica in Fat Angel
Spencer Dryden – batteria, percussioni
Paul Kantner – chitarra ritmica, voce; seconda chitarra solista in Fat Angel
Jorma Kaukonen – chitarra solista; voce in Rock Me Baby
Grace Slick - voce, armonie vocali

01. Clergy - 00:00
02. 3/5 of a Mile in 10 Seconds - 01:34
03. Somebody to Love - 06:14
04. Fat Angel - 10:30
05. Rock Me Baby - 18:06
06. The Other Side of This Life - 25:51
07. It’s no Secret - 32:36
08. Plastic Fantastic Lover - 36:07
09. Turn Out the Lights - 40:00
10. Bear Melt - 41:25


"Enormi conigli bianchi,astronavi sparate nello spazio,amanti di plastica e Donovan diventa il pifferaio magico.Metteteci anche i due Fillmore,una marea di amplificatori,luci che ti attraversano di tutti i colori,anche quelli sconosciuti e poi servite con tante pastiglie regalate ai bordi del palco,direttamente dalla band.Serve altro?." D.J.

-------------------------------------------------------------------


MONTROSE
Montrose  1973

Sammy Hagar - Voce
Ronnie Montrose - Chitarra
Bill Church - Basso
Denny Carmassi - Batteria

1.-Rock the Nation 0:00
2.-Bad Motor Scooter 3:00
3.-Space Station #5 6:45
4.-I Don't Want It 12:04
5.-Good Rockin' Tonight 15:02
6.-Rock Candy 18:02
7.-One Thing on My Mind 23:08
8.-Make It Last 26:49

https://www.youtube.com/watch?v=yjapT2ZVQts&t=1427s

"Non avete mai sentito il detto....Troppo avanti?..eh,purtroppo è vero e questo disco lo dimostra.Anni prima del risveglio metal,provocato dalla rivoluzione punk, il gruppo di Ronnie Montrose sfornava questo primo album,rimasto storico.Primo e ultimo come vitalità ed immediatezza fortemente rock.Il declino degli altri dischi e il passaggio di Hagar nei Van Halen,fà parte di una storia minore." D.J.

-----------------------------------------------------


WEATHER REPORT
Mysterious Traveller - 1974

Josef Zawinul - Electric and acoustic piano, synthesizer, guitar, kalimba, organ, tamboura, clay drum, tack piano, melodica
Wayne Shorter - Soprano and tenor saxophone, tack piano
Alphonso Johnson - Bass guitar
Ishmael Wilburn - Drums
Dom Um Romão - Percussion, drums
Miroslav Vitouš   Upright bass
Skip Hadden - Drums

Nubian Sundance – 10:40
American Tango – 3:40
Cucumber Slumber – 8:22
Mysterious Traveller – 7:21
Blackthorn Rose – 5:03
Scarlet Woman – 5:46
Jungle Book – 7:25


"I piu' grandi viaggi spaziali sono stati fatti in musica e questo album è il piu' bello.Mistici ed elettrici come mai,i Weather Report sfruttano tutti gli insegnamenti di Miles, per accompagnarci verso lidi nuovi e fantastici,passando prima dal Mato Grosso,dall'India di migliaia di anni fa,da una navicella che ritorna nel suo mondo,dopo un viaggio nel cosmo.Altro che droghe!." D.J.

------------------------------------------------------------------

I DISCHI DELLA NOSTRA VITA : 4 / DANILO JANS's FAVORITIES - PRIMA PARTE

--------------------------------------------------------------------

DISCHI STORICI In VINILE - Selezioneti Da DANILO JANS / 1a PARTE
http://musicitaly70.blogspot.it/2016/07/dischi-storici-in-vinile-selezioneti-da.html
I DISCHI DELLA NOSTRA VITA : ONE (1972)
I DISCHI DELLA NOSTRA VITA :  THE HUMBLER LIVE / ROBERT GORDON & DANNY GATTON + BONUS AUDIO CONCERT BERKELEY SQUARE CALIFORNIA  25 JANUARY 1983
I DISCHI DELLA NOSTRA VITA : 1966 REVOLVER / BEATLES + BONUS REVOLVING ALBUM OUTTAKES SECRET TRAX
I DISCHI DELLA NOSTRA VITA : 1974 ON THE BEACH / NEIL YOUNG + BONUS  LIVE AUDIO CONCERT BOTTOM LINE NEW YORK CITY 16 MAY 1974

---------------------------------------------------------------

giovedì 10 agosto 2017

AC/DC MEGAPOST + LIVE AUDIO CONCERT ADELAIDE AUSTRALIA 2015


AC/DC

Gli AC/DC (spesso reso graficamente come ACϟDC) sono un gruppo musicale hard rock australiano formatosi a Sydney nel 1973.
Sebbene il gruppo sia considerato universalmente come australiano, quasi tutti i suoi membri sono nativi britannici. Gli AC/DC sono tra i gruppi di maggior successo nella storia del rock: i loro album hanno venduto oltre 200 milioni di copie nel mondo, di cui oltre 71 milioni nei soli Stati Uniti[8]. Sono inoltre considerati di rilevanza storica fondamentale nel panorama rock. Molti sono anche i film ispirati ai loro tour.
Fra i brani più conosciuti della band si possono citare Highway to Hell, dall'omonimo album, ultimo della cosiddetta "Bon Scott Era", Back in Black ed Hells Bells, dall'album Back in Black, il primo registrato con Brian Johnson. Secondo la RIAA, Back in Black è il secondo album più venduto di tutti i tempi (50 milioni di copie in tutto il mondo) dopo Thriller di Michael Jackson. Gli AC/DC suonano sostanzialmente un hard rock fortemente influenzato dal blues rock e dal rock and roll.

L'era di Bon Scott (1974-1980)
I fratelli Young non erano soddisfatti dell'apporto vocale di Evans, e ritenevano che i suoi atteggiamenti troppo glam (era abituato ad esibirsi con i pittoreschi "zatteroni") non fossero in linea con il loro concetto di rock band: a pochi mesi dalla costituzione del gruppo si misero in cerca di un nuovo cantante che allo stesso tempo potesse anche fregiarsi del titolo di frontman. Evans fece in tempo a partecipare soltanto all'uscita di un singolo, pubblicato solo per il territorio australiano sotto etichetta Albert Productions: Can I Sit Next To You Girl (Rockin' in the Parlour sul lato B).
Fu per puro caso che gli AC/DC si imbatterono in Bon Scott; originario anch'egli della Scozia, vantava già discrete esperienze nella scena del rock (gruppi tra cui i Fraternity e i The Valentines). Tuttavia, in seguito a un grave incidente motociclistico che l'aveva lasciato in ospedale per molte settimane, era stato costretto ad abbandonare temporaneamente la musica, ritrovandosi a lavorare come autista di autobus. Scott, che in quel periodo era stato ingaggiato proprio dal management degli AC/DC per guidare l'autobus della band, venne a sapere che i fratelli Young erano alla ricerca di un nuovo cantante e si propose come candidato ideale. Nel settembre del 1974, Scott divenne ufficialmente il cantante degli AC/DC; con i suoi 28 anni d'età (era nato nel 1946) era il meno giovane del gruppo, ma la sua esperienza permise agli AC/DC di trovare in breve tempo la propria dimensione e quello stile grezzo e "stradaiolo" che li caratterizzerà per tutti gli anni a venire.
Il primo album, High Voltage (pubblicato solo in Australia e Nuova Zelanda), venne registrato in soli dieci giorni e pubblicato alla fine del 1974. Nel disco la batteria fu suonata dall'italiano Tony Currenti, non accreditato, che rifiutò successivamente di unirsi al gruppo per non dover tornare in Europa, per paura di essere giudicato renitente alla leva.
Fu con l'album successivo, T.N.T. (pubblicato in Australia e Nuova Zelanda), che il suono degli AC/DC iniziò a venir fuori in modo prorompente. Alcuni pezzi, come It's a Long Way to the Top (If You Wanna Rock'n Roll) e T.N.T. sono tuttora considerati fra i loro migliori classici, e altri come Live Wire, The Jack e High Voltage sono stati per anni dei punti fermi nelle esibizioni dal vivo. Il nuovo batterista, Phil Rudd, e il nuovo bassista, Mark Evans (che prese il posto dove si erano alternati in diversi, tra cui anche il fratello maggiore degli Young, George, ex-Easybeats), contribuirono a rafforzare la sezione ritmica.
All'inizio del 1976, grazie anche a una lunga serie di esibizioni dal vivo, gli AC/DC avevano già raggiunto un notevole grado di popolarità in Australia. Ma erano praticamente sconosciuti nel resto del mondo.

Verso il successo internazionale
Nel 1976 gli AC/DC firmarono un contratto internazionale per la Atlantic Records, che comprendeva un lungo tour nel Regno Unito e in Europa in qualità di supporto a turno di Kiss, Aerosmith e Blue Öyster Cult, oltre a date come headliner insieme ai Cheap Trick.
Il primo album distribuito su scala internazionale fu una collezione di brani tratti da High Voltage e T.N.T.. Intitolato esso stesso High Voltage, fu seguito dal breve tour britannico Lock Up Your Daughters, che ottenne un discreto successo tra gli estimatori del crescente movimento punk, forse più per l'atteggiamento ribelle e irriverente del gruppo che non per particolari affinità musicali. La stampa musicale britannica comunque li accomunò genericamente all'ondata punk, classificazione che il gruppo rifiutò categoricamente.
Il disco successivo, Dirty Deeds Done Dirt Cheap, uscì nel settembre del 1976 in versioni differenti a seconda della nazione di pubblicazione: Jailbreak fu presente solo sulla versione australiana, rimpiazzata da Rocker (originariamente presente sull'album T.N.T. australiano) sulle versioni internazionali. Dirty Deeds Done Dirt Cheap non sarà pubblicato negli Stati Uniti fino al 1981: la compagnia discografica non aveva ritenuto il sound del gruppo adatto ai gusti del pubblico americano.
Se con la title track di Dirty Deeds Done Dirt Cheap avevano aggiunto un altro futuro classico al proprio repertorio, si può affermare che fu con Let There Be Rock del 1977 che gli AC/DC trovarono la propria dimensione, liberandosi definitivamente delle sfumature pop ancora percepibili su parte degli album precedenti. Let There Be Rock è un album grezzo e senza compromessi, che rivaleggia con la musica punk del periodo per impeto e immediatezza pur non sacrificando le componenti rock and roll e blueseggianti caratteristiche del gruppo.
Con Powerage, del 1978, il bassista Mark Evans venne sostituito da Cliff Williams; l'album comunque non fece che confermare l'ottimo stato di forma del gruppo e la loro intenzione di proseguire sulla strada aperta da Let There Be Rock. Nel tour che ne seguì, gli AC/DC registrarono il loro primo album dal vivo, If You Want Blood You've Got It all'Apollo Theatre di Glasgow, Scozia, il 30 aprile 1978. Il tour li vide anche per la prima volta sostenere il ruolo di headliner in molti Paesi, e If You Want Blood You've Got It ottenne il loro più alto piazzamento nella classifica inglese fino a quel momento, piazzandosi al numero 13.
Alla fine del 1978 gli AC/DC erano ormai un gruppo di culto del panorama hard & heavy, sia nella loro nativa (musicalmente) Australia, sia in buona parte dell'Europa; il loro logo era diventato uno di quelli più utilizzati per adornare giubbotti e giacchette tra i fan della musica hard rock. Soltanto gli Stati Uniti sembravano non aver ancora notato appieno la loro presenza.

Highway to Hell e la morte di Bon Scott
Se fino al 1978 gli AC/DC erano stati un gruppo sì apprezzato, ma essenzialmente non di culto nel panorama musicale mondiale, tutto cambiò con Highway to Hell del 1979, nel quale avevano aggiunto varietà e raffinatezza ai propri brani, senza comunque distaccarsi dalle proprie radici e dal proprio stile. Con Highway to Hell gli AC/DC sfondarono per la prima volta nella top ten inglese e nella top 20 statunitense.
Il tour mondiale che seguì l'uscita dell'album vide per la prima volta gli AC/DC esibirsi come headliner per tutta la propria durata (eccezione fatta per una data allo stadio di Wembley, in cui si esibirono prima dei The Who nell'agosto del 1979). Durante una delle date del tour, precisamente a Parigi il 9 dicembre 1979, venne registrato il documentario/concerto AC/DC: Let There Be Rock, che ritrae la band in una delle ultime apparizioni con Bon Scott alla voce.
Il tour mondiale si era da poco concluso e il gruppo stava raccogliendo idee e spunti per il nuovo album quando, il 19 febbraio del 1980, si consumò il giorno più tragico della loro storia: Bon Scott fu trovato morto a Londra, all'interno di una Renault 5 di un amico. Anche se permangono alcuni punti oscuri sulla vicenda, secondo la versione ufficiale e più accreditata Scott fu vittima dell'ingestione di una quantità eccessiva di alcool, e allo stesso tempo di una tragica e sfortunata serie di eventi: dopo aver partecipato a una serata di bevute di whisky, Bon e l'amico (il cui nome corrisponderebbe ad Alistair Kinnear) si diressero verso casa di quest'ultimo. Avendo notato che Bon s'era addormentato ed era troppo ubriaco per svegliarsi e dirigersi verso l'appartamento, l'amico lo coprì con una coperta e lo lasciò in macchina; quando 15 ore dopo l'amico si svegliò e controllò la macchina, si accorse che Scott era ancora incosciente e lo portò di corsa all'ospedale di King's College. All'arrivo all'ospedale Bon Scott era già deceduto, secondo il verdetto medico, il decesso fu dovuto a intossicazione acuta da alcool.
Proprio nel momento in cui gli AC/DC trovarono il successo e la loro forma migliore, la morte di Bon Scott pareva aver concluso nel modo peggiore e più inaspettato la loro avventura e persino la loro carriera.

L'era di Brian Johnson
La morte di Bon Scott fu accolta con shock e incredulità dal resto del gruppo; l'annuncio dello scioglimento del gruppo, secondo molti osservatori esterni, sembrava solo questione di tempo. Diversi giorni dopo, Malcolm e Angus si ritrovarono per provare del nuovo materiale. Come testimoniato da entrambi, nessuno al momento aveva idee precise su cosa sarebbe stato degli AC/DC o della loro carriera di musicisti: la musica fu una sorta di terapia al periodo di sconforto e di smarrimento che stavano vivendo. Le sessioni di prova diedero comunque coraggio e morale ai fratelli Young, che decisero che il gruppo non poteva fermarsi, e che Bon stesso non avrebbe voluto lo scioglimento del gruppo al quale s'era tanto dedicato. Così iniziarono a cercare un nuovo cantante. La ricerca peraltro non si rivelò facile: molti dei possibili candidati si rivelarono subito deludenti e non all'altezza. L'ex cantante dei Back Street Crawler, Terry Sessler, era parso una buona scelta, ma aveva deciso di non volersi unire a un gruppo già avviato. La scelta cadde su Marc Storace, cantante degli svizzeri Krokus (ironicamente considerati una band clone degli AC/DC), che possedeva delle doti vocali molto simili a quelle di Bon; tuttavia egli rifiutò per portare avanti il progetto con i Krokus, gruppo che qualche anno dopo otterrà un discreto successo commerciale in America. Un altro possibile candidato fu un certo Allan Fryer, cantante residente in Australia, ma nativo scozzese proprio come i fratelli Young, che venne contattato dai due manager della band George Young e Harry Vanda. Tuttavia, durante questo periodo un fan degli AC/DC mandò al management una cassetta con una registrazione del britannico Brian Johnson, che venne contattato. Così, quando Young e Vanda notarono Fryer, gli AC/DC si trovavano a Londra alle audizioni con Brian Johnson. Al provino con gli AC/DC, Johnson cantò due canzoni: Whole Lotta Rosie, dall'album Let There Be Rock, e Nutbush City Limits di Ike & Tina Turner. Alcuni giorni dopo il gruppo ufficializzò la scelta di Brian Johnson, così Fryer formerà pochi mesi dopo la band Heaven, che emergerà proprio grazie all'aiuto di Michael Browning, già manager degli AC/DC. Curiosamente gli Heaven ospiteranno nella loro formazione per un periodo Mark Evans, ex membro degli AC/DC.


AC/DC MEGAPOST + LIVE AUDIO CONCERT ADELAIDE AUSTRALIA 2015

AC/DC 
2015-11-29 
Adelaide
South Australia 

Intro
Rock or Bust
Shoot to Thrill
Hell Ain't a Bad Place to Be
Back in Black
Play Ball
Dirty Deeds Done Dirt Cheap
Thunderstruck
High Voltage
Rock 'n' Roll Train
Hells Bells
Baptism by Fire
You Shook Me All Night Long
Sin City
Shot Down in Flames
Have a Drink on Me
T.N.T.
Whole Lotta Rosie
Let There Be Rock
(with Angus Young guitar solo)

Encore:
Highway to Hell
For Those About to Rock (We Salute You)



---------------------------------

FIN COSTELLO : DALL'IRLANDA 40 ANNI DI FOTOGRAFIE ALTAMENTE ROCK!
HOW THE WEST WAS WON : LA MEMORIA FOTOGRAFICA DI HENRY DILTZ
MEGAPOST OZZY OSBOURNE & BLACK SABBATH : ARRIVANO I BLACK SABBATH GIU' GIU' SINO ALL'INFERNO Di Manuel Insolera / DURI A MORIRE Di Aldo Bagli / SENZA ENTUSIASMO Di PG / I COMBATTENTI DEL ROCK METALLICO Di Manuel Insolera / MORTE DI UN ROCK'N'ROLLER Di Federico Ballanti / VIVO O MORTO Di Maria Laura Giulietti / HARD ROAD Di Mick Wall / THE DEVIL RIDES OUT Di Martin Aston / MENTAL HEATH Di Paul Elliott / REAL GONE Di Dave Everley / CHEMICAL IMBALANCE Di Tom Doyle + BONUS AUDIO CONCERT LIVE BROOKLYN NEW YORK 31 MARCH 2014 
LED ZEPPELIN : IL DIRIGIBILE DEL ROCK Di Fiorella Gentile
http://musicitaly70.blogspot.it/2013/05/led-zeppelin-il-dirigibile-del-rock-di.html
RITMI ALLE STELLE PER I DEEP PURPLE Di Marco Ferranti e Giancarlo Messora
Da CIAO 2001
LED ZEPPELIN : IL LORO ULTIMO ALBUM DELUDE I CRITICI MA NON IL PUBBLICO Di Victor Alfieri e Armando Gallo
http://helaberarda.blogspot.it/2012/12/led-zeppelin-il-loro-ultimo-album.html
DEEP PURPLE : IL SUCCESSO E' COLOR PORPORA Di Marco Ferranti
http://musicitaly70.blogspot.it/2013/05/deep-purple-il-successo-e-color-porpora.html
The ROLLING STONES & FRIENDS - ROCK & ROLL CIRCUS Di Mike Randolph
http://musicitaly70.blogspot.it/2013/05/the-rolling-stones-friends-rock-roll.html
MEGAPOST DEEP PURPLE : POSTERSTORY Di Marco Ferranti / DAVE COVERDALE L'ULTIMO DEI DEEP PURPLE Di Enrico Gregori / MAMMA MIA QUESTI DEEP PURPLE Di Armando Gallo / FIENDS REUNITED Di Kieron Tyler + BONUS AUDIO CONCERTO LIVE AL PALAEUR DI ROMA IL 26 MAGGIO 1971
FLASH With BLACK SABBATH,LED ZEPPELIN,TRAFFIC,JETHRO TULL,JEFFERSON AIRPLANE,MARVIN GAYE Di Abate,Vigorito,Mannucci,D'Alesio,Videtti
BLACK SABBATH : IL MALEFICO DARK Di Manuel Insolera
PROLETARI E PADRONI : LED ZEPPELIN 4 ORE DI BATTAGLIA Da LOTTA CONTINUA Dell'8 Luglio 1971 + MILANO BONUS
VAN HALEN / 1 : 1980 ANCHE IL SILENZIO E' D'ORO + BONUS LIVE AUDIO PASADENA 1975

---------------------------------